Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Chiuso il sondaggio e aperte le urne

I lettori di passaggio sul Blog ci hanno aiutato a comprendere la sibillina frase pronunciata in occasione della recente “mobility conference 2012″ per definire l’attuale situazione dell’Iter di riqualificazione della Rho-Monza: ” Il completamento della Rho-Monza, invece, sta scontando gravi ritardi nell’iter progettuale, dovuti essenzialmente a nodi di consenso sull’opera.”

In particolare il dubbio che ci attanagliava riguardava l’oscuro significato del termine ‘Nodi di consenso’. Al sondaggio hanno simpaticamente partecipato 40 lettori e la maggioranza dei voti (55%) si è divisa tra due opzioni.

La prima ipotesi identifica i cosidetti ‘Nodi di Consenso’ nella presa di coscienza da parte dei cosidetti ‘cementificatori’ che la loro presenza sul nostro territorio generalmente non è ben digerita dalla popolazione locale.

L’altra opzione, più tecnica’ identifica invece i ‘Nodi di consenso’ con un’oggettiva difficoltà a realizzare un’opera demenziale senza l’opportuno manuale di montaggio fornito dal noto produttore di mobili fai da te, che da tale opera forse potrebbe trarre giovamento. In questo ultimo caso speriamo che il manuale in questione non venga più trovato 🙂

Nel frattempo, c’era da trovare un nuovo sondaggio da sostituire al precedente. Poichè ci troviamo al ‘giro di boa’ dell’attuale mandato amministrativo locale e tante cose nel frattempo sono mutate a livello locale e nazionale, mi è venuto in mente di anticipare la tornata elettorale del 2015, giusto per verificare che aria tira. Un Exit Poll virtuale insomma.

Da tre anni infatti ho personalmente maturato alcune considerazioni relative ai principali schieramenti politici attivi sul territorio, trovandovi alcune conferme e alcune smentite. Partendo quindi dal presupposto che qualcosa di simile possa essere accaduto a molti altri e trovandomi nella fortunata condizione di gestire forse l’unico blog locale non dichiaratamente schierato politicamente, posso contare sul fatto di ospitare lettori di diverse tendenze politiche.

Tali premesse potrebbero quindi consentire di ottenere uno spaccato ‘elettorale’ uniforme e significativo, motivo per cui ho deciso di provare. Il sondaggio ‘elettorale’ resterà aperto fino a fine mese e avviso già da ora che i ‘furbetti’ che come nel caso della seconda fase del sondaggio dedicato all’Ikea si sono divertiti a votare più volte, sono identificabilissimi e verranno impietosamente ‘cassati’.

I partiti proposti sono quelli presenti nelle precedenti elezioni del 2009, con l’aggiunta di quelli nuovi nati di recente come per esempio il movimento 5 Stelle, FLI, gli Ecologisti e Civici. Le sigle dei Partiti sono elencate in rigoroso ordine alfabetico. Ovviamente non conoscendo gli attuali candidati, i programmi e le eventuali alleanze, la proposta di voto non può che intendersi relativa al singolo partito, alla sua filosofia di base e all’empatia personale.

Che dire di più? Ci proviamo? Diffondete la voce, le urne sono aperte, buon voto.

4 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.