Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Verso le Comunali 2014: evoluzione

ELEZIONI 2014 2o scenario copia

 

La situazione generale, soprattutto per quanto riguarda il versante di centro-sinistra resta quanto mai fluida. Terminato l’ennesimo giro d’incontri alla ricerca di un possibile equilibrio e della costituzione di una coalizione quanto più salda possibile, il PD guida al momento una cordata dalla quale sembra essersi dissociato il partito dei Comunisti Italiani e nella quale sembrano ancora restii ad aggiungersi, la lista civica Unirsi per Cambiare guidata da Giovanni Giuranna e la Rete degli Ecologisti e Civici.

Al centro continua il dialogo tra la lista Unirsi per Cambiare e la rete degli Ecologisti e Civici in attesa di decidere se unirsi in un’unica lista che appoggi la candidatura di Giovanni Giuranna a sindaco, procedere separati o entrare in coalizione con il PD sostenendo la candidatura di Antonella Caniato a sindaco, quest’ultima opzione obbligata dal rifiuto del Partito Democratico di affrontare delle primarie di coalizione. A questo punto inoltre, causa mancanza di notizie e scarsità di tempo sembra che la lista di Pierino Favrin non sarà presente tra le alternative delle prossime elezioni. Considerando che al giro precedente aveva sostenuto il centro destra di Alparone, è presumibile ipotizzare che la maggior parte dei voti che aveva raccolto alle precedenti elezioni confluiranno nella coalizione di centro-destra.

A destra tutto sommato la situazione rimane quella rappresentata nell’ultimo scenario e nulla di particolare sembra essere avvenuto, a parte la sempre più probabile conferma dell’appoggio dell’UDC di Dario Pirovano (questo almeno in base a quanto sta avvenendo a livello di segreteria centrale) e della nascita della nuova lista ‘Paderno Dugnano Cresce’ che fa riferimento all’attuale assessore ai servizi sociali Alberto Ghioni e destinata a intercettare i voti provenienti dai giovani elettori e di parte del modo cattolico e del volontariato.

Insomma, mentre il centrodestra mantiene le posizioni e apre il fronte alla raccolta di nuovi voti, il centrosinistra come nella migliore tradizione italica incrementa la propria entropia e incrementa l’emorragia di potenziali voti. Le componenti che attualmente si agitano al centro potrebbero infine  costituire una valida, nuova e interessante alternativa, sempre che riescano a ‘trovare la quadra’, credere nelle proprie capacità e resistere al richiamo delle sirene. Appuntamento alle prossime evoluzioni.

 

2 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.