Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Un’orchestra stonata???

Ricevo e volentieri pubblico il seguente comunicato diffuso dal coordinatore cittadino dell’Unione di Centro Dario Pirovano.

Le forze politiche ed i movimenti o liste civiche che compongono la maggioranza di destra che amministra Paderno Dugnano, hanno tutti uguale dignità rappresentativa? All’Unione di Centro di Paderno Dugnano non sembra proprio e, cari cittadini, umilmente vi spieghiamo il perché di questa nostra convinzione.

Come tutti i cittadini padernesi che leggono “La Calderina” con riferimento all’uscita N°5 dell’Ottobre 2012, abbiamo appreso che il movimento ‘Vivere Paderno Lista Civica Di Maio’ componente dell’attuale maggioranza politica sin dal maggio 2009 ha presentato al sindaco Alparone tramite lettera, le proprie linee programmatiche riguardanti il Piano Generale del Territorio attualmente già in fase di definitiva presentazione ed eventuale approvazione.

Tale presa di posizione da parte della lista Di Maio ci lascia perplessi circa la metodologia “trasparente e democratica” che la maggioranza politica amministrativa padernese adotta al proprio interno, mancando a quanto pare di confronto e dibattito tra le componenti stesse,  soprattutto per l’argomento in questione di massima importanza per il futuro del nostro territorio, al punto tale che una componente politica di non poca rilevanza anche nell’apporto elettorale ai fini della vittoriosa elezione del sindaco Alparone nel 2009, è stata esclusa a quanto pare dal dibattito e dall’apporto di proposte e suggerimenti per ciò che è lo studio e la preparazione dello strumento urbanistico che piloterà lo sviluppo e la vivibilità a Paderno Dugnano e quindi, costretta a formalizzare le proprie proposte con una lettera al sindaco Alparone.

Un altro dubbio ci assale: a meno che ci sono assessorati di serie A ed assessorati di serie B?

Facciamo inoltre presente che il sig. Di Maio Giovanni è assessore alle attività commerciali e pensiamo pure che in tale studio di Piano dovranno anche essere compresi gli indirizzi di un piano commerciale e quindi, se non si interpella il competente assessore come si può procedere con elementi di raffronto?

L’Unione di centro di Paderno Dugnano non vuole vestire i panni dell’avvocato difensore della Lista Di Maio, soprattutto perché non ha bisogno della nostra difesa, ma siamo doppiamente meravigliati per il particolare funzionamento della macchina amministrativa tra i vari settori di competenze assessorili e, della posizione del Direttore d’orchestra che non avverte sensibilmente quando i propri orchestrali o escono dal coro individualmente o occupano ciò che è nello spartito del proprio collega.

L’Unione di Centro di Paderno Dugnano non vuole fare polemica sterile e strumentale, ne tantomeno demagogia, ma anche questo metodo particolare di lavoro amministrativo come già manifestatosi anche ultimamente con le dimissioni improvvise dell’assessore al bilancio Ruzzon del PDL, ci porta a riflettere che forse forse per tendere al bene comune della nostra comunità padernese è necessario ed urgente cambiare metodo e  facciamo quindi appello al senso civico ed al lungimirante spirito critico dei nostri concittadini che dovranno con il proprio voto determinare in futuro le sorti della nostra città.

Il coordinatore cittadino

Unione di Centro

Dario Pirovano

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.