Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Una poesia per la Chiesetta del Pilastrello

Giorni fa, Luciano Bissoli ha accompagnato in visita alla Cappella del Pilastrello, Pier Giorgio Mora, ns. concittadino da qualche anno che ha al suo attivo interessanti volumi (La Grande casa rossa e Il venditore di stracci nonché varie opere in dialetto milanese). Invitato a pensare a qualche cosa per il Pilastrello ha preparato la poesia che segue la breve biografia dell’autore. Trovo particolarmente significativo e toccante il contributo di Pier Giorgio Mora, che da vero artista in poche parole è riuscito a racchiudere l’intera storia della chiesetta e a fornire squarci significativi e carichi di ricordi su un passato ormai lontano. Mi ha colpito particolarmente il passaggio seguente:

La storia del paes l’è denter la gesetta,
e gh’è anca el coo de la gent,
e la memoria de quand gh’era on panorama
de paesan, de stall, cascin e nebbia bassa.

La storia del paese è dentro la chiesetta,
e c’è ancora la testa della gente,
e la memoria di quando c’era un panorama
di paesani, di stalle, cascine e nebbia bassa.

Che dire?
Anche per la poesia, per chi poco avvezzo al dialetto meneghino viene riportata la traduzione in italiano. Buona lettura.

Pier Giorgio Mora, nato a Milano 73 anni fa da famiglia milanese, nonno e papà battezzati in San Giorgio, ha passato una vita vendendo “stracci”, tessuti italiani, britannici, francesi e indiani all’industria della confezione.

PREMI:
“La grande casa rossa”, terzo classificato al premio Leggimontagna 2010.

 EL PILASTRELL

Gh’era ona gesa arent la Comasina,
quand Napoleon, sì, l’imperador, l’ha dii:
“Slarga la strada, per andà a Comm
ghe voeur comodità per carrozz
e cavai, ma specialment per i mé soldaa”?.
La gesa l’era tropp visina
e Napoleon n’ha tajaa ona fetta.
Gesa ridotta ma l’?è minga staa assee,
“Femm passà de lì el tranvai per Limbiaa,
ma minga in mezz la via,
ma de fianch, ah, gh’è ona gesa ridotta?
Tajala ancamò”, e adess l’è ona gesetta
che quasi se perdeva, gh’era nissun
che la curava, la perdeva i tocch,
el tecc, anca i affreschi.
L’era ona gesa, anzi ona gesetta,
destinada a sparì.  Per fann cos’é?
On supermarket o i villett a schiera?.
Poeu l’è rivaa el Luciano cont i so amis,
pien de passion, cont on sacrofuoco,
cont on ciod in testa , se gh’è
on quajcos de vecc, perché tral via?
La storia del paes l’è denter la gesetta,
e gh’è anca el coo de la gent,
e la memoria de quand gh’era on panorama
de paesan, de stall, cascin e nebbia bassa.
Sti amis se metten in moto, truscien,                   
se dan de fà, fan rivà el Comun,                                  
e la sovrintendeza,
adess sta gesetta l’è dignitosa,
gh’han faa di pertus per dagh dell’aria,
e quand van denter, sti amis              
tiren su on strasc, ona scoa e netten el sit.
L’han nettaa anca de foeura,
gh’è on bel giardin per quand gh’è lus,
on po men de nott, ma la Madonna
del pilastrell ghe dara on oeucc de misericordia.
“Ma el Pilastrell?”  Pietra miliare, Giusepp,
numer sett a vegnì de Mediolanum,
ghe metteven ona colonnetta,
on pilatrell, appunto, e de lì i brumista,
gh’aveven doppia tariffa. Poeu slarghen la strada,
metten giò i binari, ma el pilastrell dov’è?
Ma l’era pù important, la tariffa doppia
partiva del casott del Dazi. 
Adess n’han trovaa on scheggia,
chissà che on quaj brumista
la porta a ca?’, te vedet, Giusepp,
anca lor gh’han bisogn de cultura,
minga domà tì.

Pier Giorgio Mora, 14 aprile 2011

(Dopo il salto la traduzione in italiano)


IL PILASTRELLO

C’era una chiesa vicino la Comasina,
?quando Napoleone, sì, l’imperatore disse
“Allarga la strada, per andare a Como
ci vogliono comodità per carrozze
e cavalli, ma specialmente per i miei soldati”
La chiesa era troppo vicina
e Napoleone ne taglio una fetta
?Chiesa ridotta, ma non è bastato,
“Facciamo passare di lì il tram per Limbiate,
ma non in mezzo alla via,
ma di fianco, ah, c’è una chiesa ridotta?
Tagliala ancora”, e adesso è una chiesetta
che quasi si perdeva, non c’era nessuno
che la curava, perdeva pezzi,
il tetto, anche gli affreschi.
Era una chiesa, anzi una chiesetta,
destinata a sparire. Per farne cosa?
Un supermarket o le villette a schiera?
Poi è arrivato Luciano con i suoi amici,
pieni di passione, con il sacro fuoco,
con un chiodo in testa, se c’è
qualcosa di vecchio, perchè buttarlo via?
La storia del paese è dentro la chiesetta,
e c’è ancora la testa della gente,
e la memoria di quando c’era un panorama
di paesani, di stalle, cascine e nebbia bassa.
Questi amici si mettono in moto, si affannano,
si danno da fare, fanno arrivare il Comune,
e la sovrintendenza,
adesso questa chiesetta è dignitosa,
hanno fatto dei buchi per dare dell’aria,
e quando entrano, questi amici
prendono uno straccio, una scopa e puliscono .
Hanno pulito anche di fuori,
c’è un bel giardino quando c’è luce,
un poco meno la notte, ma la Madonna
?del pilastrello darà un occhio di misericordia.
“Ma il Pilastrello?” Pietra miliare Giuseppe,
numero sette venendo da Milano
ci mettevano una colonnina,
un pilastrello, appunto, e da lì i brumista,
avevano tariffa doppia. Poi allargano la strada,
mettono giù i binari, ma il pilastrello dov’è?
Ma era più importante la tariffa doppia
partiva dal chiosco del Dazio.
Ora ne hanno trovato un pezzo,
chissà che qualche brumista
l’ha portato a casa, vedi, Giuseppe,
anche loro hanno bisogno di cultura,
non solo tu.

Pier Giorgio Mora, 14 aprile 2011

(ndr) Brumista = vetturino delle carrozze trainate da cavalli

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.