Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Tempi cupi per Paderno Dugnano

Sul tema dei dubbi che avevo espresso nel post precedente si è espresso anche l’Architetto Fabrizio Allegro, in una nota appena diffusa:


COMUNICATO STAMPA

 

data 26/01/2011

“Interramento: fine delle trasmissioni?”

Tante le notizie amare in questo inizio d’anno.

Oggi la Commissione Controllo della Provincia ha chiamato l’AD di Serravalle a rispondere sulla necessità di trovare una soluzione alternativa al progetto preliminare, ma l’AD di Serravalle ha risposto negativamente rimandando al Ministero ed alla Provincia tutte le responsabilità. Un giro di responsabilità che ci ricorda “il gioco delle parti”.

Sul tavolo resta il Progetto Preliminare, approvato da Anas e dal Ministero, contro il quale la amministrazione di Paderno si è sempre opposta.

Non riesco ancora a dare una chiara spiegazione all’intervento dell’attuale Sindaco padernese dello scorso 20 gennaio, poiché la sera del Consiglio Comunale ha comunicato che l’amministrazione ricorrerà al Tar, per la notifica dell’avvio delle fasi di esproprio (per le aree comunali), e che il ricorso è già pronto.

Scopro però solo ieri che il giorno seguente, 21/01 è stata pubblicata una Delibera di Giunta Comunale (DGC n°3/2011, dello stesso giorno 20/01, quindi prima del C.C.) che attribuisce l’incarico ad un terzo professionista, (un legale differente da quello precedentemente indicatoci) che a quella data ha comunicato l’impossibilità a svolgere l’incarico.

L’avvocato M. Scorta, che ha seguito il comitato sul tema della difesa legale, ha però evidenziato che non vi erano atti contro i quali ricorrere, come ha confermato l’arch. Rossetti, attuale dirigente dell’area territorio, in occasione dell’incontro con gli espropriandi a metà dicembre.

Quindi i dubbi sono due:

a. su che cosa doveva ricorrere la amministrazione padernese in passato se non ci sono ancora atti contro i quali ricorrere?

b. perché il sindaco ha più volte comunicato che il ricorso era già pronto se l’avvocato Pagano aveva rinunciato all’incarico ?

Lo stesso avvio della procedura di esproprio è una mera notifica, ma non è l’atto (di esproprio) e quindi non sussiste il decreto (di pubblica utilità) contro il quale fare opposizione, e quando ci sarà, non sarà più contestabile.

Mi aspetto di vedere come sarà proposta l’opposizione al Tar, ma sono sempre più convinto che con queste indecisioni avranno da perderci soltanto i padernesi.

Sarò “cattivo profeta”, ma arriverà prima il decreto di pubblica utilità piuttosto che l’indizione della Conferenza dei Servizi per valutare il progetto definitivo, ne sono certo.

La domanda è però spontanea: quando si imposterà il ricorso pro interramento, quando apriranno i cantieri? E da 15 giorni si è chiusa la preselezione delle imprese concorrenti, quindi attendiamo un’altra pessima notizia per i padernesi, la pubblicazione dell’esito.

Purtroppo le imprese consultate non sono state qualificate per svolgere opere di perforazione, in vista dell’interramento, sia perché non è stato espresso nel disciplinare di gara, sia perché chi governa oggi vuole solo questo progetto per Paderno, ormai è chiaro.

Ci aspetta l’inaugurazione del ponte sullo stretto … di Paderno.

Dr. Arch. Allegro Fabrizio

3 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.