Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Sponsorizzazioni private dalle rotatorie agli arredi urbani

Da tempo ormai (se non da sempre) gli interventi ‘spiccioli’ all’arredo urbano di Paderno Dugnano sono completamente bloccati. Con la motivazione quindi che non sono disponibili fondi o che devono essere dirottati verso interventi più importanti ed urgenti, la collocazione di nuovi cestini per i rifiuti, la sistemazione di aree verdi e giochi per i bambini, la sistemazione di monumenti danneggiati (a proposito come è messa la fontana di Piazza delle Meridiana?) vengono normalmente rimandati a data da destinarsi.

Eppure, con l’esperienza del gruppo della Compagnia del Pilastrello ho potuto conoscere una Paderno Dugnano attiva e generosa. Se quindi i fondi mancano perchè non si potrebbe optare, come già fatto da altri comuni, a un meccanismo di sponsorizzazioni private come normalmente avviene per le aree verdi delle rotatorie (Provincia docet)?

Un altro aspetto positivo del ricorso alle sponsorizzazioni private potrebbe essere un maggiore coinvolgimento dei Consigli di Quartiere con funzioni di mediazione tra le sponsorizzazioni disponibili, le richieste dei cittadini e l’Amministrazione Comunale. Si tratterebbe in pratica di una nuova formulazione di quella che nella precedente giunta era stato il coinvolgimento dei Consigli di Quartiere e dei cittadini nella Progettazione e nel Bilancio partecipato.

Resterebbero da definire le modalità di proposta per le opere da realizzare grazie alle sponsorizzazioni e anche in questo caso, giocherebbero un ruolo importante i Consigli di Quartiere. Le proposte potrebbero partire dal basso chon la segnalazione da parte dei cittadini degli interventi necessari oppure, dalla stessa Amministrazione che potrebbe fornire la lista delle richieste fino ad ora ricevute ma che appunto per mancanza di risorse non è possibile realizzare nel breve periodo. Sempre i Consigli di Quartiere potrebbero mediare le disponibilità di eventuali sponsor proponendo le opere in attesa di ‘adozione’. La formula di sponsorizzazione sarebbe poi quella usata nel caso delle rotatorie, con indicazione dello sponsor grazie al quale il bene comune è stato reso disponibile o realizzato. Non ci vedo male per esempio un’impresa di pulizie che sponsorizza il posizionamento dei cestini di rifiuti che mancano al parchetto di Baraggiole: “Splendor Spa mantiene pulità la città” o ancora “Pulizia cittadina curata da …”.

Sicuramente, come avvenuto per la Chiesetta del Pilastrello molte associazioni, comitati, semplici cittadini o aziende della zona potrebbero essere disponibili e interessate a fornire sponsorizzazione per gli interventi che rientrano nell’ambito della propria vocazione aziendale o missione associativa. Insomma, ci si potrebbe pensare. Altri Comuni l’hanno realizzato.

4 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *