Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Rho-Monza: la resa dei conti

corda_si_spezzaDopo che la Giunta Maroni ha espresso all’unanimità parere favorevole al Ministro dell’Ambiente in merito al progetto Serravalle per la riqualificazione della Rho-Monza, il Comitato Cittadino per l’Interramento della Rho-Monza ha convocato l’altro ieri sera un’assemblea d’emergenza alla quale hanno risposto circa una cinquantina di cittadini (e 4 bandiere di Rifondazione Comunista ????????).

Tutto sommato, considerato il breve preavviso, il periodo nel quale molti sono già partiti per le vacanze e il fatto che l’appello fosse stato veicolato prevalentemente attraverso Internet, la partecipazione è stata soddisfacente. Ai convenuti è stato esteso l’invito a diffondere il risultato delle discussioni, far circolare la voce sulla piega assunta dalla situazione e a coinvolgere il più possibili conoscenti, vicini e altri condomini.

Dopo aver illustrato il contenuto dell’ultima delibera del Consiglio regionale attraverso il quale la giunta maroni ha espresso parere favorevole al progetto Serravalle originale per la riqualificazione della Rho-Monza, senza interramento nella tratta padernese e con il ‘cannolone di plastica’ pomposamente chiamato Galleria Fonica e tanto amato dall’assessore provinciale Giovanni De nicola. Particolare attenzione è stata posta sul seguente passaggio contenuto nella delibera:

5.3. E . “Salute pubblica e.

prima della messa in esercizio nella nuova configurazione di progetto andrà prodotta una relazione che stimi il numero di eventi attesi – di mortalità e/o morbilità o altri indicatori epidemiologici – potenzialmente attribuibili (in più o in meno) alla esposizione della popolazione a inquinanti determinati dall’esercizio stesso.

In pratica, come più volte denunciato dai comitati, si è coscienti dell’impatto che il demenziale progetto originale di riqualifica della tratta avrà sulla salute dei cittadini. Maroni & C danno quindi per scontato che la gente morirà x quest’opera, vogliono solo capire in quanti moriranno… stima del numero degli eventi attesi…….

Quello che disgusta maggiormente è che la decisione presa si muove in direzione completamente opposta alla votazione unanime che solo pochi giorni prima in Consiglio Regionale aveva approvato la mozione sul tema Rho-Monza di cui la promotrice è stata la padernese Silvana Carcano del Movimento 5 stelle.

L’azione era stata sostenuta all’unanimità da tutte le forze politiche del Consiglio Regionale e impegnava la Giunta lombarda:

– a proseguire con i tavoli di confronto con enti locali e ministero coinvolgendo anche i consiglieri regionali del territorio

– a sollecitare il ministero competente affinché individui soluzioni non impattanti per i territori e i cui eventuali costi aggiuntivi siano sostenuti con disponibilità nazionali.

Alla faccia della coerenza! Verrebbe quasi da esclamare. In ogni caso, a votazione durante la riunione al parcheggio Unes dell’altra sera è stato deciso di procedere con le iniziative seguenti:

1.prendere a esporre nelle città città lenzuoli, striscioni e manifesti che chiedono l’interramento della Rho-Monza;

2.impegnare i sindaci a riunire il tavolo dei 5 Comuni e schierarsi a fianco dei cittadini nella mobilitazione;

3.inviare come Comitati una lettera a governo, Regione Lombardia e Provincia di Milano che ribadisca le richieste di modifica del piano di Serravalle nel senso indicato dal progetto alternativo approvato dalle loro amministrazioni.

Per settembre i Comitati stanno organizzando una nuova e imponente manifestazione che coinvolgerà rappresentanze politiche, cittadini, associazioni e comitati dei cinque comuni interessati dallo scellerato progetto. Nella lettera che si è deciso di inviare agli enti governativi responsabili della decisione finale, verrà indicata la data stabilita per la manifestazione e l’intenzione di attuare forme di protesta ‘più incisive’ se le istanze del territorio non dovessero venire recepite.

Insomma, come avevo già scritto in un post precedente, il tempo delle parole questa volta si è veramente esaurito e soprattutto è terminato il paravento di comodo dietro il quale molti fino ad ora si sono nascosti. E’ arrivato il momento di fare la conta definitiva e vedere nel concreto chi sta da quale parte della barricata. Ognuno ne risponderà quindi di conseguenza davanti ai cittadini e agli elettori.

2 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.