Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Rho-Monza, ancora lei

la-rotonda-allinglese2.jpg

 Questa mattina la roulette della tangenziale incriminata ha decretato una delle classiche giornate da incubo. La coda a Paderno iniziava dalla rotonda dell’Unes e questo, forniva già una chiara previsione del destino a cui sarebbero andati incontro gli incauti che nonostante tutto, l’avessero imboccata.

Del resto, la speranza è sempre l’ultima a morire e molti hanno confidato che l’ostacolo potesse trovarsi a pochi chilometri, dopo il quale il traffico sarebbe tornato a scorrere normalmente. Speranza vana perchè oggi l’intoppo era nel punto peggiore e cioè in corrispondenza della bretellina che collega la rotonda dell’ospedale con quella dell’esselunga a Baranzate, punto particolarmente critico che già altre volte ha registrato gravi incidenti. Inutile dire che un incidente in corrispondenza del famoso tappo di Baranzate ha scatenato l’inferno, portando a quasi due ore il tempo di percorrenza tra Paderno e la rotonda di Baranzate.

Inutile anche descrivere la fuga disordinata di autisti esasperati che si fiondavano sulle uscite che riuscivano a raggiungere, riversandosi sulle complanari.

Inutile ancora rifuggire l’esercizio di prevedere cosa potrebbe succedere in simili condizioni ma con il traffico veicolare triplicato. Come un fiume in piena che rompe gli argini, il traffico tracimerebbe dalle complanari sul territorio limitrofo mandando in tilt la circolazione locale e spandendo allegramente inquinanti in ogni dove.

Ci aspetta proprio un bel futuro. Che amarezza.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *