Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Rho-Monza: anche Massimo Gatti si esprime sull’esito dell’incontro in Provincia

Rho-Monza, Massimo Gatti: “Vergognoso muro di gomma di Serravalle spa e della Giunta Podestà sul progetto alternativo dei comitati. La mobilitazione continua”

Milano, 9 maggio 2012. Il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti, intervenendo oggi pomeriggio nel corso della Commissione provinciale Mobilità e trasporti che aveva all’ordine del giorno l’audizione dei tecnici della Società Serravalle s.p.a. in merito alla strada provinciale Rho-Monza, ha dichiarato:

“Ribadiamo il nostro netto no al progetto di potenziamento della Rho-Monza presentato dalla Società Serravalle che non prevede l’interramento e che fa cartastraccia del progetto alternativo redatto dai tecnici dei comitati e dai Comuni di Paderno, Bollate, Baranzate, Novate e Cormano, peraltro fatto proprio dal Consiglio provinciale con una mozione approvata all’unanimità nel dicembre scorso. Purtroppo Podestà continua a considerare Serravalle spa come un suo feudo utile solo per sistemare i suoi amici ai vertici della società mortificando il ruolo del Consiglio provinciale e, soprattutto, l’impegno competente e la volontà dei comitati e dei cittadini di Paderno, Cormano, Bollate, Novate e Baranzate e dei rispettivi Comuni che da tempo richiedono l’interramento della Rho-Monza.

È una vergogna! Ora il tempo è scaduto. Il lavoro efficace e competente dei tecnici dei Comitati ha dimostrato concretamente che l’ipotesi dell’interramento è non solo possibile, ma anche praticabile. Podestà ora deve dire chiaramente ai vertici di Serravalle di accogliere immediatamente e mettere in pratica il progetto alternativo redatto dai tecnici dei comitati che prevede l’interramento della superstrada per tutelare la salute pubblica. Altroché “pizzo”, come dichiarato vergognosamente oggi in aula dall’Assessore De Nicola. I cittadini e i comitati del territorio saranno sempre vigili e fermi nella proprie sacrosante posizioni e quel cantiere non partirà mai perché saranno loro ad impedirlo. E noi, come sempre, saremo al loro fianco”.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.