Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Polli tatuati, cartelloni strappati e ruspe in piazza

La campagna elettorale a Brescello Padernese è entrata nel vivo, i candidati sindaci sono stati presentati, i programmi pubblicati, le liste composte e il proliferare micologico delle innumerevoli liste stampella finalizzate alla frammentazione dei voti e all’improbabile sostegno alle varie liste civiche principali è concluso.

Particolarmente degno di nota a questo giro l’esagerato proliferare di liste dell’ultimo minuto, mai sentite nominare e nate nell’arco di una notte, appunto come i funghi nel bosco dopo una giornata di pioggia. Dove erano prima? Cosa hanno fatto finora? Chi sono? Boh. Valgono un singolo voto?

In ogni caso, Brescello Padernese si è risvegliata e la bagarre politica non lesina i colpi bassi. Si passa dal forzato sillogismo del villico tatuato con un pollo a fianco della faccia di Salvini, per riconoscere l’acquila del raich (mancherebbe la svastica ma a chi importa) e giungere alla conclusione che chi va con lo zoppo….

Se così fosse che dire di chi propone di parcheggiare ruspe nella piazza destinata all’inaugurazione della sede della Lega? Siamo veramente arrivati alla pantomima degli storici Don Camillo e Peppone, quando venne riesumato il carro armato dal fienile, per fortuna in questo caso non hanno sparato al campanile.

Il confronto democratico e l’analisi delle possibili soluzioni per la città e i cittadini passano in secondo piano, prevaricate dal confronto becero di chi avrebbe voluto accogliere Salvini con uno spargiletame, di chi ha bruciato il manifesto della Lega in piazza Lampugnani prima dell’evento e di chi meticolosamente strappa i manifesti elettorali di Gianluca Bogani.

Naturalmente tutti sintomi che la Lega sta dando fastidio e che in mancanza di strumenti di contrasto intellettualmente validi si ricorre alla ritorsione fisica. Tornando quindi al villico tatuato con il pollo e al concetto che chi va con lo zoppo, considerate le alternative …. W il villico tatuato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.