Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Pause e riflessioni

pensieroso.png

Prendendo spunto dagli amici di Paderno 7, rieccoci On Air. Abbiamo approfittato del periodo festivo per una pausa di riflessione ma non di riposo, visto che da uomini di penna ci siamo trasformati in uomini di vanga e cazzuola.Agli spiritosi che stanno pensando che forse avremmo fatto meglio a continuare così assicuriamo che i risultati ottenuti ci hanno invece confermato ancora una volta di essere più avvezzi a inchiostri e calamai (anche in versione digitale). Comunque, tra le numerose cose apprese in questi giorni annoveriamo il fatto di aver finalmente capito perchè la malta BASTARDA si chiama così (nel vero senso del termine), che la terra è effettivamente un po’ troppo ‘bassa’, perchè gli affreschi si chiamano così (argomento strettamente connesso alla malta bastarda), che chi vuole vendere sistemi per alleviare la fatica in realtà si riferisce alla sua nello sbarcare il lunario e che il buon vicinato di una volta esiste ancora.

Detto questo, inutile scendere in ulteriori dettagli perchè ‘son cose da vivere direttamente’, raccontarle non serve a nulla e fanno parte di un percorso illuminato che ciascuno dovrebbe compiere almeno una volta nella vita, sicuramente a qualche politico farebbe un gran bene. In questo periodo abbiamo anche voluto sperimentare e riflettere su Blog, Internet e dintorni. La cosa più interessante è stata quella di restare completamente digiuni dalla lettura dei vari blog per andarli poi a visitare in un colpo solo e vedere quale informazione se ne traeva. Ebbene, tutto sommato, rispetto alla carta stampata, l’informazione veicolata dai blog possiede sia una sorta di memoria storica, sia una molteplicità di fonti che nell’insieme permettono, in qualsiasi momento, di ricostruire abbastanza esattamente il cuore del ‘fatto’. In mezzora di lettura dei tre principali blog cittadini, ci ha permesso di venire a conoscenza dei fatti più importanti che si sono svolti nella settimana. La stessa cosa non l’ha permessa l’acquisto del quotidiano locale e sicuramente, non lo permetterà il settimanale di prossima uscita perchè a cavallo del periodo considerato (quindi riporterà solo metà delle notizie).

Oltre al consiglio comunale, di cui ognuno dei tre blog ha riportato solo i punti che ha deciso di approfondire, ma che nell’insieme permettono di ottenere una cronaca abbastanza completa, la lettura dei blog cittadini ci ha permesso di venire a conoscenza del fatto che  in vista del 25 aprile la giunta ha deciso di censurare la popolare canzone “Bella Ciao” (vista la generale avversione per i Comitati e i blog partigiani si poteva immaginare), che il consigliere Massetti ha inviato un comunicato (non l’abbiamo ricevuto) sul pasticciaccio brutto di Cascina Donzelli e che per quanto riguarda la tormentata vicenda della Rho-Monza le preoccupazioni non sono finite perchè De Nicola ha deciso improvvisamente (post elezioni regionali) di sparecchiare in tutta fretta il tavolo tecnico dando appuntamento alla presentazione pubblica ma lasciando trapelare alcune perplessità legate ai costi.

Insomma, il bello dei blog è che non costano nulla (almeno a chi li legge), che tengono memoria delle notizie, che le arricchiscono di considerazioni e interpretazioni spesso negate alla stampa tradizionale e che permettono facilmente di ricostruire ‘percorsi’ tematici. Volessimo ad esempio ricostruire tutte le tappe relative alla Rho-Monza basterebbe inserire il termine come chiave di ricerca in uno qualsiasi dei blog per recuperare tutta la storia della vicenda. Volendo poi approfondire l’argomento potrebbe essere possibile ricercare altri termini come per esempio ‘De Nicola’ o ‘Milano-Meda’. Cosa un po’ più difficile con la carta stampata se non si sono tenute le copie dei quotidiani o non si è organizzato un archivio stampa degli articoli dedicati alla città. Il bello e la potenza di un blog credo risiedano proprio nella ‘memoria storica’. Il blog può corredare ogni articolo di documenti e immagini. Tra cinque anni, in occasione di vicende simili alla Rho-Monza e all’Inceneritore, invece di sterili polemiche come quelle già vissute, la storia vera e documentata di quanto accaduto sarà sempre disponibile attraverso la cronaca dei blog. Difficile quindi ‘ciurlare nel manico’. Dovrebbe essere questo un motivo di riflessione per la giunta in carica, la quale sembra preoccuparsi più della carta stampata.

Tra quattro, cinque anni, quello che è accaduto, perchè e per colpa di chi sarà sempre e liberamente a disposizione di chiunque voglia verificarlo. Stranamente invece, dalle parole pronunciate dal sindaco Alparone in occasione dell’ultimo consiglio comunale, sembra che a preoccuparlo di più sia la stampa cartacea locale. Penso che i blog non li consideri direttamente, a differenza di quanto  invece fanno i principali esponenti dell’opposizione e, ne demandi il controllo a qualche ‘tirapiedi’, che come unica preoccupazione ha quella di riferire dell’uso del gonfalone comunale. Da qui, l’ulteriore considerazione che i vari blog cittadini siano prevalentemente letti e utilizzati da esponenti della sinistra (nonostante il sondaggio pubblicato a suo tempo dal collega Arcari). In ogni caso, l’esperimento si è rivelato piuttosto interessante e ci ha fornito utili indicazioni, oltre alla conferma che: i blog servono. Avanti così dunque e vedremo di recuperare il tempo perduto in quanto in agenda abbiamo la cronaca completa dell’ultimo consiglio comunale (ce lo siamo sorbito e ve lo beccate anche voi) e le ultime novità legate alla Rho-Monza. A presto quindi con le ultime novità.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.