Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Palazzolo e Francavilla al Mare gemellate dai Tigli

Tigli in cittàLa questione sul proposto abbattimento dei Tigli in via S. Ambrogio è destinata a scaldarsi sempre più. Da una parte l’Amministrazione che, forte del risultato di un privatissimo questionario consegnato a pochi eletti e, caratterizzata dall’assoluta mancanza di fantasia per l’individuazione di alternative meno cruente, ha decretato il taglio di 64 tigli, rei di essere naturalmente cresciuti e diventati conseguentemente ‘ingombranti’ 🙂

Dall’altra parte come al solito, i cittadini più o meno contrari alla risoluzione. Le obiezioni dei più tiepidi si riassumono tra la constatazione della difficoltà di uso del marciapiede soprattutto da parte delle persone con maggiori difficoltà di deambulazione, sul fatto che i viali alberati non sono più di moda, che i sensi unici aumentano i percorsi e danneggiano il commercio locale con la mancanza di parcheggi e così via.

I più pragmatici si impegnano invece nell’esercizio che sarebbe spettato all’amministrazione e si impegnano per individuare alternative che accontentino tutti o almeno, la stragrande maggioranza. L’approccio è guarda caso molto simile a quanto avvenuto per la Rho-Monza. Da una parte le istituzioni a favore della soluzione più semplice anche se più deleteria e dall’altra, i cittadini costretti a individuare, dimostrare e proporre una migliore soluzione alternativa. Strano paese l’Italia dove la politica funziona al contrario J Di solito dovrebbero essere i cittadini che sottopongono un problema e compito delle istituzioni individuare la soluzione migliore, condivisa dalla maggioranza della popolazione.

Insomma, facciamo un piccolo sforzo aggiuntivo. Non si tratta aprioristicamente di difendere ad ogni costo i Tigli di Via S. Ambrogio, anche se tagliare un albero che ha impiegato decenni a crescere per sostituirlo con una panchina o la solita colata di cemento mi sembra comunque demenziale. Sono infatti fermamente convinto che una soluzione in grado di accontentare tutti senza contemplare l’eliminazione dei Tigli esiste, ci vuole solo fantasia, buona volontà e tempo. Vero, alcuni preferirebbero l’ennesimo nastro grigio con il doppio senso di marcia per parcheggiare comodamente sotto casa o davanti ai due/tre esercizi commerciali della via per comprare il pane senza fare un passo in più.  Forse sarebbe invece preferibile circolare in bici o fare quattro passi all’ombra degli imponenti alberi già esistenti, piuttosto che piantumarne di nuovi e attendere decenni che, come quelli piazzati nel deserto della Piazza Falcone e Borsellino, riescano a raggiungere dimensioni minime sufficienti a procurare un minimo d’ombra.

Nel frattempo, sembra che il problema che sta vivendo la nostra città sia comune a Francavilla al Mare in provincia di Chieti dove i Tigli a rischio in Viale Nettuno sono solo 54 (QUI IL DETTAGLIO). In particolare, l’esperienza che sta vivendo il Comitato di Francavilla, oltre a rappresentare un importante precedente, fornisce utili indicazioni per la nostra causa, come per esempio il fatto che ad esprimersi sulla vicenda sia chiamata la forestale, che nel caso di Francavilla ha espresso parere negativo e importanti osservazioni alternative.

Insomma, come di solito accade a Paderno Dugnano in simili frangenti, prepariamoci a vederne delle belle. Non immagino la nascita dell’ennesimo comitato in quanto negli ultimi anni sono nate e si sono organizzate numerose associazioni e movimenti sensibili al tema. Sarà da vedere piuttosto se saranno capaci di unire gli sforzi, organizzarsi e saper fare fronte comune.

3 Comments

Rispondi a carlo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.