Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Paderno Dugnano:Prima manifestazione congiunta dei comitati contro l’inceneritore

noinceneritore-7-marzo-2010.jpg

Questa mattina, nonostante un freddo ‘becco’ almeno 300 persone hanno risposto all’appello lanciato dai diversi comitati a radunarsi in Via Beccaria a Paderno Dugnano, per dire tutti insieme NO all’inceneritore che vorrebbero costruire in zona.
L’iniziativa di protesta contro il progetto di Paderno Energia Srl è stata organizzata dal Comitato No Inceneritore di Cormano in collaborazione con il Comitato NO.I. di Paderno Dugnano e quello di Novate Milanese, che si è costituito venerdì scorso (5 marzo).
La macchina da guerra dei comitati contro l’iceneritore sta marciando a pieno regime e macina centinaia di presenze a ogni iniziativa oltre a migliaia di firme raccolte sul territorio. E’ evidente il segno di una grave preoccupazione da parte di numerosi cittadini padernesi e non.
Sicuramente le istituzioni di Provincia e Regione non potranno ignorare il fortissimo segnale che arriva dalla popolazione. A Paderno Dugnano nessuno vuole l’inceneritore. Per essere precisi, a Paderno Dugnano NESSUNO vuole un qualsivoglia inceneritore o termovalorizzatore.
In ogni caso, come dimostrano le Domeniche di blocco del traffico, che la gente vive prevalentemente come una scocciatura, la popolazione sembra comprendere maggiormente e, si dimostra particolarmente sensibile a un rischio inceneritore, mentre spesso sembra non comprendere o sottovalutare l’altrettanto pericolosa fonte di inquinamento costituita dal traffico.
Con questo si vuole sottolineare che la stessa preoccupazione e la stessa partecipazione dovrebbero essere dedicate anche all’altro grosso problema esistente a Paderno Dugnano e costituito dalla possibile riqualificazione di Rho-Monza e Milano Meda. Gli inquinanti, le polveri sottili e le patologie non sono dissimili da quelle che possono essere generate dal nuovo inceneritore…anzi.
Il rischio dell’ecomostro sull’area dell’ex Tonolli non deve quindi assolutamente far calare l’attenzione sulla lotta che l’altro comitato sta combattendo per far interrare Rho-Monza e Milano-Meda. In questo momento Paderno Dugnano si trova sull’orlo di un baratro: da una parte una città virtuosa, all’avanguardia che riconquista territorio,  valorizza l’ambiente e viene additata ad esempio, dall’altra una città devastata da strade e inceneritori asservita alle esigenze e ai voleri dei ‘poteri forti’. Sta a noi cittadini (e non solo) decidere quale strada intraprendere.
In ogni caso sul tema Rho-Monza torneremo preso, nel frattempo di seguito il comunicato stampa del Comitato No Inceneritore di Paderno Dugnano a seguito della manifestazione odierna:

COMUNICATO STAMPA

PIU’ DI 300 CITTADINI PRESIDIANO L’AREA EX TONOLLI A PADERNO DUGNANO CONTRO L’INCENERITORE

Il progetto di costruire un inceneritore a Paderno Dugnano suscita allarme tra la popolazione, anche nei Comuni vicini. Il Comitato NO.I. di Paderno Dugnano è preoccupato per la posizione attendista dell’amministrazione comunale e da essa aspetta una risposta rapida in ordine alla partecipazione alla Conferenza dei servizi del 9 marzo. Cresce la mobilitazione e la collaborazione tra i diversi Comitati No Inceneritore.

Paderno Dugnano, 7 marzo 2010 – Più di 300 persone da Paderno Dugnano, Cormano, Novate, Bollate, Baranzate hanno partecipato stamattina al presidio in via Beccaria davanti all’area ex Tonolli, all’incrocio con la Statale dei Giovi. L’iniziativa di protesta contro il progetto di Paderno Energia Srl è stata organizzata dal Comitato No Inceneritore di Cormano in collaborazione con il Comitato NO.I. di Paderno Dugnano e quello di Novate Milanese, che si è costituito venerdì scorso (5 marzo).

La considerevole partecipazione, nonostante il giorno festivo e il freddo intenso, esprime in modo chiaro la volontà dei cittadini di fare pressione sulle Istituzioni (Regione, Provincia, Comune) per fermare sul nascere il progetto Inceneritore, considerato una minaccia per la salute pubblica e per l’ambiente in un contesto già altamente urbanizzato e compromesso. Durante il presidio sono state raccolte 5000 firme, che verranno depositate domani all’Ufficio Protocollo del Comune di Paderno Dugnano in aggiunta alle 706 già registrate il 4 marzo scorso.

Le prossime iniziative del Comitato NO.I. e degli altri Comitati anti-inceneritore saranno le seguenti:

*  Martedì 9 marzo, ore 9.30, è previsto un presidio a Milano in occasione della Conferenza dei servizi convocata per affrontare il progetto Inceneritore. L’appuntamento è davanti alla sede del CDS Settore Territoriale della Regione Lombardia (via Sassetti 32 – Milano). Il Comitato NO.I. ha presentato formale richiesta all’Amministrazione Comunale di Paderno Dugnano ai sensi della L. 241/90 e dell’art. 23 del D.Lgs 334/99 per poter partecipare alla Conferenza dei servizi “anche inviando tecnici e rappresentanti titolati” e si attende pertanto una risposta sollecita al riguardo.

* Martedì 9 marzo si svolgerà una riunione riservata ai coordinatori dei differenti Comitati contro l’Inceneritore per valutare l’esito della Conferenza dei servizi e programmare le iniziative future.

* Il Comitato NO.I. si impegnerà ad offrire ai cittadini strumenti e occasioni di informazione sul tema Inceneritore e gestione dei rifiuti, in rapporto alla tutela della salute e dell’ambiente.

* La raccolta delle firme proseguirà ad oltranza per offrire agli Amministratori un segnale chiaro e incontrovertibile circa la volontà dei cittadini di Paderno Dugnnao e dei Comuni limitrofi.

Auspicando una rapida e positiva conclusione della vicenda, il Comitato NO.I. di Paderno Dugnano invita tutti i cittadini a non desistere dalle proteste finché non sarà arrestata la procedura regionale di autorizzazione dell’Inceneritore.

Il Comitato NO.I.

* * *

SCHEDA SINTETICA

IL PROGETTO INCENERITORE DI PADERNO ENERGIA SRL

La ditta Paderno Energia S.r.l. ha presentato nel dicembre 2009 al comune di Paderno Dugnano un progetto per la costruzione di un inceneritore nella sede della ex Tonolli che prevede di bruciare ben 38.000 tonnellate all’nno di rifiuti ospedalieri, pericolosi, generici. L’mpianto proposto rientra fra quelli considerati a rischio di incidente rilevante ai sensi del D.lgs 334/99, così come previsto dal documento di Valutazione di Impatto Ambientale. Alla costruzione dell’nceneritore si sono opposti i comuni di Cormano e di Bollate, il comune di Paderno Dugnano ha chiesto una sospensiva di 60 gg che scadono alla fine di marzo. La Provincia di Milano e la Regione Lombardia hanno indetto una Conferenza dei servizi (9 marzo) per confrontare le osservazioni pervenute e rispondere alle richieste di costruzione dell’nceneritore.

L’rea in oggetto si trova in una zona densamente abitata. Vicino al luogo prescelto per il forno inceneritore vi sono case con oltre 30.000 abitanti, scuole, parchi, presidi sanitari che vedrebbero peggiorare inevitabilmente le condizioni di vita. L’mpianto sorgerebbe, inoltre, in un territorio già fortemente penalizzato da sostanze inquinanti e congestionato dal traffico.

PER APPROFONDIRE:

Tutti i particolari del progetto sono contenuti nella “intesi non tecnica dell’Istanza di Valutazione Ambientale”(a cura di Cramer Srl per conto di Paderno Energia Srl –9 dicembre 2009). Il fascicolo di 71 pagine è disponibile sul sito S.I.L.V.I.A. (Sistema Informativo Lombardo per la Valutazione Impatto Ambientale) al seguente URL:

http://silvia.regione.lombardia.it/silvia/ReadFile?idFile=14595720&nomeFile=REG870_SNT.pdf&estensione=.pdf

Si segnalano inoltre i seguenti Blog locali che seguono la vicenda Inceneritore secondo differenti prospettive:

Blog LA SCOMMESSA

http://blog.libero.it/padernovillaggio

Blog PADERNO DUGNANO BLOGOLANDIA

http://padernodugnano.blogolandia.it

Blog PADERNOFORUM

http://padernoforum.blogspot.com

Blog PADERNO 7.0 ON AIR

http://www.paderno7onair.it

No Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.