Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Paderno Dugnano:L’unione ‘comune’ fa la forza

lunionefalaforza.jpg

Come Paderno Dugnano, sembra che molti altri Comuni italiani versino nelle stesse disastrose condizioni economiche. La soluzione, o almeno la prima risposta alla situazione di emergenza sembrerebbe essere l’unità e l’organizzazione congiunta dei singoli comuni. A confermare questa tendenza arriva l’iniziativa odierna del movimento Sindaci del Veneto che ha deciso di indire un incontro congiunto e allargato anche ai rappresentanti provenienti da altre regioni del Nord per analizzare la situazione e decidere iniziative ‘comuni ai vari comuni’ per riuscire finalmente ad ottenere dall’Istituzione Centrale l’attenzione e il sostegno sempre promessi e mai mantenuti.

Insomma, i Comuni si stanno organizzando e iniziano a presentare i conti all’Istituzione Centrale.
Dichiara infatti in un’intervista (qui) Giorgio Dal Negro, primo cittadino di Negrar e presidente dell’Anci Veneto (l’associazione dei Comuni) «Io un sindaco? No, mi sento più un curatore fallimentare».
L’articolo continua evidenziando “Il fatto che la minaccia venga da un uomo di centrodestra e sia rivolta al governo amico, rende l’idea del livello di esasperazione. La rabbia dei Comuni veneti non ha colore politico: l’acqua che sale alla gola è uguale per tutti.”
Insomma, la regione

veneta sembra in prima linea alla guida della mobilitazione generale dei comuni, i quali devono prendere coscienza del fatto che la sudditanza non rende. A Paderno Dugnano come in altri comuni la Provincia si sta facendo i propri comodi per ‘far cassa’. A paderno Dugnano e dintorni per esempio, progettando l’attraversamento dei territori con nastri di asfalto solo per favorire un evento di tre mesi nel 2015, che sicuramente non porterà denaro nelle casse dei Comuni devastati ma in altri forzieri. Sempre la Provincia si trasforma in gestore pubblicitario riempiendo le rotonde in territorio comunale con manifesti che ancora una volta, tanto per cambiare, non renderanno nulla ai comuni coinvolti se non disagi e rischi.

Come dimostrato da Giorgio Dal Negro a questo punto non contano più i colori politici e le alleanze o meglio le sudditanze. I singoli comuni hanno una propria dignità e come già detto un’altra volta dispongono di diritti di autonomia e difesa del territorio con cui qualunque altro organizzazione esterna, non importa di quale colore o di quale dimensione, deve comunque fare i conti e rispettare.

Di seguito l’invito che è stato diffuso sul forum della Rete del Nuovo Municipio (http://www.nuovomunicipio.org). Forse varrebbe la pena sentire qualche rappresentante dei comuni coinvolti per conoscere i risultati dell’incontro. Sicuramente se ne entreremo in possesso li pubblicheremo immediatamente.

Caro collega,

abbiamo deciso di organizzare un incontro tra i sindaci del Veneto (al quale parteciperanno anche delegazioni di sindaci di altre regioni del nord), per denunciare lo stato di abbandono che stiamo vivendo e per elaborare delle iniziative che siano in grado di riaccendere l’attenzione dell’opinione pubblica sulla situazione dei nostri comuni.

Se sarà difficile chiudere il bilancio 2009, sarà pressoché
impossibile fare un serio bilancio di previsione 2010
, senza snaturare la natura stessa dell’ente comune.

Ormai, passiamo il tempo a raccogliere le doglianze dei nostri concittadini e  a togliere risorse dai capitoli di bilancio per far quadrare i conti.

Chi può rimanere indifferente di fronte a questa situazione?

Da quando abbiamo proposto la legge sulla compartecipazione irpef, abbiamo subito tagli di trasferimenti, mancati rimborsi dell’ici e notevoli riduzioni di entrate proprie. Tutto ciò pregiudica fortemente l’operatività dei nostri comuni.

Allora, crediamo sia diventato nostro dovere  prioritario difendere la nostra funzione (e la nostra dignità) di amministratori.
Per questo, ti invitiamo a partecipare (con fascia) all’incontro che si svolgerà presso:

Municipio di Padova, in Sala Paladin

mercoledì 2 dicembre a partire dalla ore 10,00
PS: Ti invitiamo a venire con i dati di bilancio che documentino le perdite 2008, 2009, e di previsione 2010, cosi da rendere la discussione più concreta.
Antonio Guadagnini

Massimo Cacciari

Flavio Zanonato

Achille Variati

Fausto Merchiori

Antonio Prade

Romano Tiozzo

Stefano Cimatti

Michele Carpinetti

Maria Gomierato

Luigi Dalla Via

Laura Puppato

Piero Dalla Libera

Giancarlo Piva

Giuseppe Mossa

Paolo Lorenzoni

Lino Gambaretto

Maurizio Bernardi

  Forum di discussione della Rete del Nuovo Municipio
  http://www.nuovomunicipio.org

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.