Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Paderno Dugnano:Giunta Alparone, la musica cambia e inizia subito a stonare

censura.jpg 

Purtroppo lo stile è un’arte da vecchi gentiluomini ed è qualcosa che si possiede dalla nascita. Difficile impararla se non vi è materia di base. Purtroppo, anche in questo senso le differenze tra la vecchia giunta e la nuova si fanno sempre più marcate ogni giorno che passa. Già in un precedente post avevo accennato alla prima visita telematica che avevo ricevuto con piacere dall’ex sindaco Massetti poco dopo aver inaugurato questo blog.

In quel messaggio di posta che riporto volentieri nel seguito, l’ex. sindaco iniziava personalmente complimentandosi per l’iniziativa e avanzava una legittima osservazione alla corretezza del gonfalone usato nell’immagine di testata. Cosa dire, un sindaco vero, che personalmente dimostra di seguire ogni aspetto della propria città, reale o virtuale che sia. Un sindaco quindi che sa cosa è e come si usa il web, sa utilizzare gli strumenti informatici e tiene alla propria città evidenziando gli errori introdotti nel gonfalone ufficiale. Un sindaco che non interviene inutilmente con veti e rigore là dove non ve ne sia effettiva necessità. Un sindaco che in un messaggio successivo in poche e semplici parole dimostra di aver pienamente compreso lo spirito e la potenza dei nuovi strumenti di comunicazione quali sono i blog. Niente di più Niente di meno. Sobrietà e stile. Un sindaco.

Qui di seguito il primo messaggio:

Caro Negrisoli,

ho visto il suo blog che ha un profilo di pulizia e di essenzialità invidiabile.

Mi permetta però di segnalarle che nello stemma comunale della nostra città (che campeggia sulla home page,tratto credo da Wikipedia)

non c’è nessun  alberello  sopra un castello.E’ certamente un’osservazione per lei non rilevante ma per me lo è.Lo stemma originale lo può

trovare sul nostro sito.

Scusandomi per l’intrusione le porgo cordiali saluti.  

G.Massetti

Sindaco di Paderno Dugnano

e il secondo ancor più significativo:

Grazie a lei.

ogni spazio dedicato alla vita della nostra città può essere ed è uno spazio di libertà dove le persone possono incontrarsi e crescere.

buone giornate.

G.Massetti.

La giunta Alparone, la stessa che ha affermato che il colore blu sparso inizialmente in ogni dove era presente nello stemma cittadino, si affida invece alle carte. Qui inutile commentare, contenuti di valore non ve ne sono, solo vuote e sterili parole (ahinoi, ormai un marchio di fabbrica). Tra i due approcci….un abisso.

oggetto: utilizzo dello stemma della città di Paderno Dugnano

Riferimento nota

Spett. le, redazione,

mi è stato segnalato, e ho avuto modo di constatarlo personalmente,’ che sul blog padernodugnano.blogolandia.it , viene utilizzatò lo stemma della città di Paderno Dugnano (si veda l’allegato).

Corre l’obbligo di informarLa che ai sensi e per gli effetti del com ma 2 dell’art.2 del vigente Statuto comunale il Comune è l’unico ente con diritto di fregiarsi dello stemma e del gonfalone ad esso attribuito. E’ fatta salva ovviamente la possibilità per enti ed associazioni di usare lo stemma per iniziative specifiche previa autorizzazione da rilasciarsi da parte del Comune.

Non risultando alcuna autorizzazione in tal senso, La invito pertanto ad eliminare dalla homepage del blog lo stemma della città di Paderno Dugnano.

Distinti saluti

IL SEGRETARIO/DIRETTORE GENERALE
Paolo Codarri

Cosa dire, purtroppo qui l’uomo non lo trovo, solo il burocrate. Purtroppo, ed è la cosa che più di tutte mi spaventa è la frase seguente:  ‘…mi è stato segnalato, e ho avuto modo di constatarlo personalmente’. A Paderno Dugnano sono dunque ricomparsi i delatori??? Nell’insieme comunque, oltre a numerose e tristi conferme una nota positiva. Se c’è chi si disturba a segnalare quisquilie di questo genere è perchè rode. Se rode è perchè probabilmente qualche Post di questo blog ha visto giusto e colpito nel segno. La strada è quindi quella giusta, avanti così.

Il documento ufficiale: blog-paderno.pdf

No Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.