Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Paderno Dugnano imbrigliata nelle reti

L’altro giorno mi sono imbattuto in una interessante riflessione sul motivo per cui Twitter sembrerebbe in declino.
Sostanzialmente il concetto è che Twitter ha dimenticato una delle regole principali della Rete: senza vantaggio per la Rete, non si può contare su di essa.
Ecco, ai tempi del problema dell’Inceneritore che si voleva (si vuole, si vorrebbe) costruire al Villaggio Ambrosiano e poi più recentemente con la questione Leganti Naturali, ero andato un po’ a spasso per il Web (e oltre) a cercare notizie e in entrambi i casi, avevo notato un certo fermento amministrativo/organizzativo delle varie società coinvolte.
E’ un qualcosa che si intuisce, un’increspatura sulla superficie dell’acqua, insomma,dietro all’apparenza sembra muoversi qualcosa di grosso, molto grosso e molto organizzato.
E’ un gioco di matrioske. Una rete complessa i cui nodi sono più o meno marcatamente tracciati, un percorso che bene o male se seguito continua a ripassare per gli stessi punti, ruota intorno a un centro comune: il cemento.
Per chiarire meglio il concetto riporto ad esempio solo i principali protagonisti collegati alla questione Leganti Naturali, vediamo se notate alcuni nomi ricorrenti e le connessioni esistenti:

PROGIN S.p.A – Progettazione Grandi Infrastrutture

Principali Clienti
GRANDI LAVORI FINCOSIT
IMPRESA PIZZAROTTI & C.
ING. CLAUDIO SALINI

N. 264 ORDINANZA (Atto di promovimento) 7 febbraio 2012
Ordinanza del 7 febbraio 2012 emessa dalla Commissione tributaria
provinciale di Milano sul ricorso proposto da Ing. Salini Claudio
Grandi Lavori S.p.a. e Quadratec S.r.l. contro Agenzia delle entrate
– Ufficio di Milano 3.

Quadrio Curzio s.p.a., già Solena Leganti Naturali s.r.l. in liquidazione, ora Quadrantec s.p.a.

Per l’amor del cielo, bene o male girano tutti nello stesso settore e ha senso che Tizio sia fornitore di Caio e cliente di Sempronio ma tutti sti cambi e sti giri fanno effettivamente venire il mal di testa.  Già che ci siamo e per collegare ad altri nodi di questa gigantesca rete ricordiamo che la Leganti Naturali utilizza per la lavorazione gli scarti principali provenienti dagli inceneritori. Uno a Paderno Dugnano c’è già e quello che si vorrebbe costruire al Villaggio è ancora in sospeso. Poi volendo divertirsi ulteriormente si può andare a vedere tutto il giro di cambio ragione sociale, acquisizioni, fusioni e collegamenti della società che ha presentato richiesta per la costruzione dell’inceneritore.
Tutto questo sta cresce nel terreno fertile (ovviamente si fa per dire) creato dalla mostruosa riqualificazione della Rho-Monza, apoteosi del cemento, dei prodotti edilizi e di bitume.
Insomma, sono in molti che continuano a evidenziare la cosa e secondo me finalmente un giorno unendo tutti i punti verrà fuori chiara la struttura di questa gigantesca rete.
La speranza è quella di riuscire prima di allora a spezzarne le trame principali e liberare la nostra città dalla morsa cementizia.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.