Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

L’autobus fantasma: lettera aperta di un cittadino

Ricevo e volentieri pubblico la seguente lettera aperta che Efrem Maestri, cittadino padernese in primis ma anche consigliere del  CdQ di Cassina Amata si è sentito di scrivere al Sindaco e all’assessore ai trasporti Tonello, dopo una disavventura vissuta personalmente.

La pubblico volentieri anche alla luce degli sviluppi sempre più imbarazzanti che sta assumendo la vicenda che avevo QUI descritto solo l’altro giorno, che dimostra la superficialità e l’approssimazione con la quale le diverse istituzioni affrontano temi forse per loro secondari ma indispensabili per i cittadini.

Lettera aperta al Sindaco Alparone e all’assessore Tonello

Paderno Dugnano, giovedì 12 gennaio 2011

Gentilissimo signor Sindaco di Paderno Dugnano, dott. Marco Alparone;

Gentilissimo signor Assessore ai Trasporti del Comune di Paderno Dugnano, ing. Andrea Tonello;

vorrei sottoporre alla Vostra attenzione un disagio che il sottoscritto ha avuto in data 10 gennaio 2011, in tarda mattinata.

In quel giorno dovevo recarmi a Cinisello Balsamo in quanto avevo un appuntamento fissato per le ore 11:00: non avendo la possibilità di recarmi in macchina, ho pensato di muovermi con i mezzi pubblici. Mi sono ricordato di quando, finite le superiori nel 2006, ero in cerca di lavoro e presi lo Z229 per recarmi al Centro per l’Impiego di via Gorki a Cinisello.

Per sapere a che ora dovevo prendere il pullman, ho guardato sulla guida “CittàViva” che ogni inizio anno arriva in tutte le case dei padernesi.

Leggo a pag. 16 che da Lunedì a Venerdì, in direzione Sesto, lo Z229 effettua la quinta corsa che parte alle 10:20 proprio dalla stazione FNM di Palazzolo: ho dunque deciso di prendere la bicicletta, parcheggiarla alla stazione e aspettare l’autobus Z229 (Palazzolo FNM – Paderno Dugnano – Cinisello Balsamo – Sesto S.G. M1-FS). Alle 10:10 circa sono arrivo alla fermata dell’autobus; arriva l’ora fatidica – 10:20 – ma lo Z229 non passa: ho pensato che fosse in ritardo, può capitare. Ore 10:30 ma lo Z229 non arriva; ore 10:45 e dello Z229 nemmeno l’ombra.

Alle ore 11:00, capite signori Sindaco e Assessore, che la mia pazienza è finita.

La prima cosa che ho fatto è stata quella di chiamare la persona di Cinisello con la quale avevo l’appuntamento ponendole le mie scuse, dicendole che avevo avuto un contrattempo e se gentilmente poteva rinviare il nostro incontro al giorno dopo.

Successivamente ho chiamato la Brianza Trasporti al numero verde che è indicato su Città Viva.

Digito l’ 848/800474 e mi risponde una certa DMC, la quale mi ha detto (con il disco) «la richiameremo al più presto possibile per darle delle informazioni sui nostri servizi». Ho pensato «guarda che gentili: mi richiamano», ma subito dopo ho pensato che la compagnia di trasporti una volta si chiamava CTNM, non DCM. Aspetto 10 minuti ma, ahimè, non ricevo alcuna chiamata.

Sta di fatto che la mia rabbia mi fa alzare gli occhi al cielo e camminare avanti e indietro come un forsennato: ad un certo punto, come un miraggio, scorgo sul retro del palo della fermata gli orari. Guardo e leggo: 7:15, 8:05, 12:15. Di quello delle 10:20 nemmeno l’ombra. Vedo anche due numeri: l’800778857 e lo 039/2061192. Decido di chiamarli.

Ho chiamato il primo numero e il mio operatore mobile mi ha risposto che la chiamata proveniva da un’area non abilitata (evidentemente è un numero verde che si può chiamare solo da rete fissa); chiamo il secondo numero e finalmente mi risponde la Brianza Trasporti, confermandomi gli orari scritti sul palo della fermata.

All’operatrice ho chiesto se alle 10:20 passasse lo Z229; mi ha risposto «guardi che non è mai passato lo Z229 a quell’ora. Ma lei che orari ha?!?» E io: «Quelli di CittàViva, l’opuscolo che il Comune di Paderno Dugnano consegna ogni anno a tutti i padernesi. Gli orari sono aggiornati a novembre 2011». L’operatrice mi ha risposto dicendomi «mi sa tanto che sono sbagliati e non aggiornati! Ci scusiamo per il disagio arrecatole». Io ho controbattuto dicendole che il disagio non l’aveva arrecato la Brianza Trasporti, bensì chi ha messo gli orari su CittàViva e non li ha controllati.

Dimenticavo di dirvi, signori Sindaco e Assessore, che per tutto il pomeriggio del 10 gennaio sono stato tempestato di chiamate dalla DCM, la quale non è una compagnia di trasporti, bensì un’azienda che voleva farmi acquistare uno scacciainsetti ad ultrasuoni.

La cosa potrà far ridere: credetemi che il sottoscritto si è leggermente alterato.

A fronte del momento contingente di crisi economica che stiamo attraversando, sarebbe costoso ritirare tutti i CittàViva, rivedere tutti gli orari dei trasporti e ristamparli.

Credo però, carissimi signori Sindaco e Assessore, che grazie alla mia lettera possiate provvedere per l’anno prossimo a stamparli in maniera corretta, dando un servizio utile ai cittadini padernesi e senza arrecare ulteriori spiacevoli disagi.

In attesa di una Vostra gradita risposta in merito, colgo l’occasione per porgere a Voi e ai Vostri cari gli auguri di un felice 2012 e i miei più cordiali saluti

Efrem Maestri

Cittadino padernese

Consigliere CdQ Cassina Amata di Paderno Dugnano

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.