Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

INPS, alla faccia della privacy

spione1.jpg

Mi è recentemente capitato di dovermi recare alla sede INPS di Paderno Dugnano in Via Cardinal Riboldi e ho notato una situazione a dir poco paradossale.

Normalmente nell’atrio era presente una macchinetta automatica nella quale inserire i certificati medici per malattia e si otteneva una ricevuta da conservare che riportava data e ora della consegna.
Questa la situazione fino a qualche mese fa, quando la macchinetta in questione si è guastata e per non si sa quale insuperabile ostacolo, ad oggi non è ancora stata riparata.

In alternativa sono state proposte due procedure per consegnare all’INPS i certificati medici:o si fa la fila allo sportello e si consegna all’impiegata oppura lo si inserisce in un’apposita ‘urna’ posizionata all’ingresso.

Consegnando il certificato allo sportello si ottiene una ricevuta di consegna come avveniva prima ricorrendo alla macchinetta, mentre riponendolo nell’urna non si ha nulla che certifichi la consegna del documento.
Il problema non risiede comunque nel fatto di ottenere o meno la ricevuta, ma piuttosto nel particolare che l’urna posizionata nell’atrio è in plexiglass completamente trasparente :-O
Il certificato medico, prima della consegna deve essere compilato con i dati anagrafici propri e dell’azienda per cui si lavora, oltre al tipo di inquadramento e altri dati relativi alla propria attività lavorativa. Se tutti questi dati non bastassero a rendere ‘sensibile’ il documento, va ricordato che la copia che viene consegnata all’INPS contiene anche la diagnosi.

Insomma, chiunque scelga per non essere costretto a fare la fila allo sportello, di introdurre il certificato medico nell’urna, è come se di fatto lo appendesse in bacheca.
Mi sembra una svista madornale da parte di un ente pubblico come l’INPS e sarebbe opportuno che qualcuno provveda almeno ad oscurare l’urna in plexiglass.

Se poi si facesse anche lo sforzo di riparare la macchinetta automatica sarebbe ancora meglio.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.