Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Inceneritore: A Cormano la giunta traina a Paderno Dugnano viene ‘spinta’

no_inceneritore_ok.jpg

Oggi il quotidiano ‘Il Giorno’ riporta il testo della risposta del Sindaco di Cormano, che accogliendo le richieste dell’ultima lettera inviata dal vicesindaco di Paderno Dugnano Gianluca Bogani, lancia segnali di distensione e propone l’organizzazione di un evento pubblico congiunto con tutti i sindaci interessati dalla possibile costruzione dell’inceneritore, per costituire un fronte comune e compatto contro la costruzione dell’ecomostro.

Il Sindaco di Cormano Roberto Cornelli si dice d’accordo con quello di Paderno Dugnano Marco Alparone nel cercare di evitare che il confronto sull’inceneritore si vada ad inserire nel contesto dell’attuale campagna elettorale, proponendo invece di  rilanciare su un altro piano il dibattito sull’inceneritore di rifiuti speciali, con l’organizzazione di un momento comune di confronto, dal quale emerga chiaramente a tutti la contrarietà delle amministrazioni di questa zona alla realizzazione dell’inceneritore rifiuti speciali. Ovviamente all’incontro è auspicabile partecipino i rappresentanti di Provincia e Regione per rispondere tutti insieme ai cittadini.

Come al solito la domanda che sorge spontanea è ancora la stessa: perchè a proporre una cosa del genere deve essere ancora una volta il sindaco di Cormano?
Sinceramente, a qualsiasi schieramento uno possa appartenere non può non riconoscere al sindaco di Cormano uno stile e una capacità polica non comuni.

La prima volta lo ha dimostrato mettendo all’ordine del giorno del consiglio straordinario di Cormano la spinosa questione dell’inceneritore e permettendo che la seduta fosse ripresa dal Movimento 5 Stelle, al quale fino ad ora il Comune di Paderno ha sempre negato il permesso.
Con quella mossa è stato di fatto il primo comune a prendere una posizione precisa contro l’Inceneritore, ha bacchettato la nostra giunta e ha affidato il tutto alla visione di migliaia di utenti Internet.

Il precedente tentativo di Paderno Dugnano, curiosamente il comune direttamente interessato dall’insediamento dell’ecomostro, era deragliato in una mezza rissa al Villaggio Ambrosiano.
Successivamente il vicesindaco di Paderno si è detto disponibile alla cooperazione tra i due comuni ma solo a seguito di scuse formali da parte del sindaco di Cormano, per gli attacchi diretti al sindaco Alparone e alla giunta di Paderno in occasione dell’incriminato consiglio straordinario.

Come risposta, oltre ai richiesti segnali di distensione è arrivata una proposta che ci saremmo invece aspettati da Paderno Dugnano quale comune direttamente e principalmente interessato dalla questione inceneritore e cioè, organizzare un unico evento pubblico con presenti tutti i rappresentanti dei Ccomuni coinvolti, della Provincia e della Regione per rispondere e rassicurare i cittadini.

Ora, va bene che qualcuno può dichiararsi più per il fare che per i proclami, ma purtroppo la politica è anche fatta di slogan e dichiarazioni. Va bene prendersi il tempo per visionare documenti e stabilire le opportune contromosse. Certo è che tentennando, nascondendo, tergiversando, vietando riprese, un segnale all’esterno filtra comunque, ed esprime confusione, divisione, paura e difficoltà. E’ anche vero che se l’unico slogan che viene diffuso è del genere “Ambrosiani tranquilli” e poi, si naufraga nel successivo consiglio di quartiere forse è meglio evitare i proclami.

Va bene ‘imparare ad amministrare’ e ‘muoversi con i piedi di piombo’, ma prima o poi ci si deve muovere, altrimenti andiamo a ripetizione da Cormano. A Cormano ‘traina’ la giunta, a Paderno Dugnano ‘spingono’ i cittadini.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.