Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Gianfranco Massetti Risponde a Oscar Figus

massettiIn vista delle elezioni amministrative del prossimo anno aumentano gli interventi dei diversi esponenti politici e si moltiplicano le riflessioni interne alle forze politiche cittadine. Alcuni giorni fa il segretario locale del PD Oscar Figus aveva proposto una serie di considerazioni relative a quanto servirebbe alla nostra città e su come realizzarlo. Oggi gli risponde l’Ex . sindaco Gianfranco Massetti.

Un cambiamento radicale e profondo

Il segretario del PD Oscar Figus, alcune settimane fa, ha esposto”qualche considerazione sulla nostra città” che ritengo interessanti. Provo a dare una risposta per tenere aperta la discussione.
Prima Paderno e poi il PD: questo è il senso delle mie priorità.
Io credo che oggi serva un chiaro progetto di cambiamento radicale e profondo di cosa fare e di come fare un nuovo governo della città.
Nuovo perché  bisogna superare e correggere non solo le cose sbagliate e non fatte dal centro destra ,che ha portato la nostra città all’isolamento e all’emarginazione dai processi culturali e sociali di  innovazione, ma nuovo anche rispetto all’esperienza del centrosinistra che ormai data a 5 -10 anni fa.
Oggi non basta  una piccola riforma o una prudente modifica. Serve ripartire da zero , in molti campi. O ripartire da capo.
Una nuova cultura rivoluzionaria e un nuovo metodo partecipativo.
Lavoro, giovani, casa, ambiente, cultura, partecipazione sono alcuni dei capisaldi sui quali costruire un progetto innovativo di governo locale che dovrà cambiare anche nei metodi, negli strumenti e nell’orizzonte metropolitano.
Bisognerà guardare con attenzione alle buone prassi che le Amministrazioni comunali italiane e straniere hanno sperimentato. Non bisogna inventare l’acqua calda ma sviluppare nuove idee per rispondere alle nuove esigenze.
Cosa fare per aiutare il lavoro che non c’è?
Come incentivare ed aiutare la creatività e l’iniziativa giovanile?
E’ ancora possibile fare  un Bilancio comunale in maniera tradizionale?
E’ accettabile  un  PGT che consuma ancora?
I nostri servizi  resisteranno a una dimensione localistica?
La partecipazione popolare come dovrà essere ?
Come valorizzare la risorsa  ambientale della nostra città?
Quale futuro avrà l’impresa e il lavoro nel nostro territorio?
Sono alcune domande che esigono risposte nuove.
Credo che serva anche una scossa democratica ,un pizzicotto, per risvegliare le risorse e le persone che non si rassegnano ad un presente di torpore che ammanta da tropo tempo la nostra vita città. Questo progetto potrà essere accompagnato da una proposta politica che non può  vedere un PD  autosufficiente, ma un PD al servizio di una alleanza civica.
Per una nuova Paderno Dugnano che riprenda un suo ruolo guida dentro l’area metropolitana milanese.
Gianfranco Massetti

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.