Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Fine del mondo? Tiriamo le somme.

Sun and Maya calendar. 3d renderDunque, oggi secondo i Maya dovrebbe essere la fine del mondo. Pure se sono convintissimo che la profezia sia il semplice risultato dell’esaurimento del materiale su cui scrivere o di uno sciopero degli scribi (o quel che siano) dell’epoca, mi piace cogliere l’occasione per far quello che solitamente sarebbe naturale per il momento e cioè: tirare le somme. Per prima cosa partirei dal globale. Sinceramente, la situazione mondiale non è che mi convinca molto.

Spaziando dalla crisi mediorientale, passando per i dementi americani che fanno stragi nelle scuole, transitando temporaneamente dal lancio di missili coreani, sorvolando sulla Chiesa che proibisce la contraccezione in un paese devastato dall’AIDS come l’Africa e passando per le manie di grandezza iraniane, la Siria, l’Egitto, la Turchia, la Cina con il Tibet e i numerosi esempi in linea con quanto appena elencato, il tutto si meriterebbe effettivamente un bel colpo di spugna radicale. Un bel reset e conseguente riavvio.

Abbassiamo un po’ i toni e passiamo al nazionale. In particolare, per quanto riguarda l’Italia mi fermerei alla situazione politica che, personalmente ritengo, abbia sempre rappresentato lo specchio sociale del momento. Sinceramente la situazione attuale, tra vecchi caimani scopaioli che riciclano programmi vetusti confidando nel consueto abbocco dell’italico abitante, smacchiatori di leopardi radicati nel recente passato e moderni rottamatori, senza dimenticare i pendolari centristi più avvezzi dei meteorologi a identificare le correnti e le tendenze prossime future, anche qui non mi opporrei a un reset generale. Non tocchiamo poi l’argomento mafie, corruzioni e illeciti. Qui avremmo dovuto essere fulminati decenni fa.

Considerato il momento non mi addentrerei quindi nel dettaglio della classe dirigente italiana e della conseguente gestione del patrimonio industriale nazionale. In questo caso, avessi avuto un’infinitesima percentuale dei poteri attribuiti al grande Architetto, avrei resettato tutto ben prima della data attuale.

Sorvoliamo anche sulla situazione locale che per comodità riconduco a quella nazionale. Mi fermo quindi alle considerazioni personali. In effetti ripensandoci, viene spontaneo chiedersi cosa sarebbe accaduto se nei numerosi momenti ‘strategici’ della personale esistenza, davanti al consueto bivio avessi scelto la direzione alternativa. Insomma, forse anche qui, rigiocarmela con un reset completo non suonerebbe completamente negativo.

A questo punto, tirando le proverbiali somme del titolo e, considerando il tutto, anche se i Maya avessero infine ragione non vi vedrei tutta questa negatività.

Se al prossimo giro l’avessero vinta i rettili o se ci limitassimo a pascere come protozoi forse la situazione generale potrebbe dirsi  effettivamente migliorata. Due convinzioni radicate: sicuramente per buona parte del tempo l’avrebbe nuovamente vinta l’ambiente e la natura e tornerebbero (almeno per un po’) di moda valori ben più genuini e differenti di quelli che imperano attualmente (del resto, pur di sopravvivere l’unione fa la forza).

Inoltre, se mi fosse consentita libertà di scelta, per il prossimo giro mi candiderei comunque a nascere in epoca romana 😉 Buon 21/12/2012 a tutti. Ci risentiamo il 22/12/2012 😀

 

4 Comments

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.