Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Destra o sinistra? Peggio o meno peggio?

Leggevo con simpatia in questi giorni nel web nazionale e locale le varie reazioni alle recenti notizie che hanno coinvolto in varia misura il centrosinistra. Senza estendere per ora il ragionamento alle vicende nazionali, mi fermo alla vicina metropoli.

Ovviamente dal giorno dopo la sua elezione, come avevo già anticipato in altri post, seguo con particolare attenzione l’esperienza di Pisapia a Milano, per vedere quanto nuove e alternative possano essere le idee e gli approcci proposti da esponenti dell’attuale minoranza di governo, giunti finalmente in posizioni di governo.

Da Pisapia per ora stanno arrivando segnali discordanti. Da una parte ad esempio ho gradito il positivo e deciso cambio di atteggiamento nei confronti della questione Rho-Monza, rispetto a quello altezzoso e arrogante mostrato precedentemente da Donna Letizia.

Come auspicavo quindi, la crepa che si è aperta nel muro della destra a Milano sta favorendo la nostra città. Dall’altra parte, la storia dell’aumento del biglietto per il trasporto pubblico mi ha lasciato piuttosto perplesso e cercando di leggere tra le righe della propaganda, è quanto meno problematico recuperare come stanno effettivamente le cose. Qualche dubbio quindi mi permane, anche raffrontato con quanto accaduto in piccolo nel nostro Comune, giusto per confrontare le azioni e le dichiarazioni di una sinistra al governo e quelle della stessa corrente all’opposizione.

In base alle varie dichiarazioni a sostegno della manovra di Pisapia c’è per esempio stata quella dell’obbligo di legge, per un incremento delle tariffe almeno del 20%, per evitare una maxi multa. Un dubbio:  già che ci siamo e perché i tempi sono buoni per tutti facciamo direttamente il 50%?

Si è osservato che comunque per evitare la multa di cui sopra il provvedimento era già stato previsto anche dalla giunta precedente.  In questo caso, chissà perché la dichiarazione non mi suona nuova e, a livello locale, di solito ne veniva contestato l’abuso al centrodestra.

Un’altra giustificazione  per l’aumento è stata quello dell’allineamento a quanto fatto in altre città e un adeguamento,  per una cifra che risultava tra le più basse. In questo caso il dubbio riguarda il trattamento che era stato riservato dall’opposizione alla giunta locale quando aveva utilizzato analoghe argomentazioni a favore dell’aumento della tariffa delle mense scolastiche.

Terminate quindi le giustificazioni più o meno legate all’argomento contingente le altre ricadono nel trito e ritrito ritornello di scaricare le colpe sull’amministrazione precedente. In questo caso un triste déjà-vu vissuto tanto con gli uni quanto con gli altri e  di volta in volta contestato tanto dagli uni quanto dagli altri.

Insomma, dopo nemmeno un mese e come già avvenuto in passato con governi nazionali della sinistra (così al volo mi viene in mente Prodi), la prima preoccupazione di un’amministrazione di centrosinistra è stata quella di infilare pesantemente le mani nelle saccocce dei cittadini. Ovvio che tartassando indiscriminatamente chi si sta governando, i soldi per realizzare quanto vagheggiato si trovano. Ma chi è tartassato è contento del trattamento ricevuto prima e di quanto si vuole realizzare poi?

Resta infine qualche altra considerazione spiccia sulla fascia che si va a colpire e cioè quella dei cittadini virtuosi che utilizzano il trasporto alternativo, piuttosto che intasare la città con gli autoveicoli. E’ così che si vuole incentivare l’utilizzo dei mezzi al posto della macchina? Come detto in apertura Inizio ad essere perplesso e ad essere sempre più disgustato da questo modo di fare politica.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.