Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Chiuse le urne, tiriamo le somme

Lo spoglio delle schede provenienti dall’ultimo sondaggio condotto sul blog ha richiesto un po’ più tempo del previsto. Ad un’attenta analisi infatti, il solito ‘furbetto del quartiere’ che si è divertito a votare più volte, avrebbe potuto falsare il risultato, ma visto che bene o male i voti multipli sono risultati abbastanza distribuiti non hanno modificato significativamente le percentuali e possono quindi essere classificati come semplice rumore di fondo.

Per quanto possa comunque risultare significativo il risultato ottenuto con il simpatico esperimento (così anticipiamo il solito critico) vale la pena di farci sopra qualche ragionamento.
Il primo che mi viene in mente riguarda la provenienza dei visitatori del Blog e il risultato ottenuto parrebbe coerente con la sensazione che ne ho sempre avuto e cioè: PD e movimenti alternativi sembrano essere maggiormente sensibili e attenti a quanto espresso sui media digitali.

Il PDL invece, prima ha ignorato la funzione dei blog, poi ha cercato di intimorirli, poi li ha subiti e ora, con buon ritardo, sta cercando di entrare in lizza con le proprie alternative. Questo perchè con i blog, come del resto avvenuto a livello nazionale, avrebbe incontrato non poche difficoltà a inventarsi un regolamento ad hoc per imbrigliarli, come recentemente fatto invece per altre forme di clibera comunicazione come per esempio il volantinaggio.

Fondamentalmente comunque, sembra che da queste parti passino prevalentemente esponenti dell’attuale opposizione e quelli dei nuovi movimenti. Ci stà ed ha un senso.

Tutto sommato inoltre, la classifica finale risultante dal sondaggio potrebbe coincidere con la sensazione generale relativa al gradimento o quanto meno all’interesse locale verso le varie rappresentanze politiche locali. Insomma, il PD si agita parecchio e tra l’organizzazione di incontri, organizzazione di Comitati, comunicati stampa, appoggio a varie iniziative e lotte locali, ormai è come il prezzemolo e sembrerebbe aver recuperato parecchie posizioni rispetto alla coalizione di maggioranza.

Del resto i nuovi movimenti sono maggiormente sensibili e coinvolti sulle principali tematiche locali e motivati da un maggior entusiasmo rispetto ai principali schieramenti politici, avvitati su se stessi e in difficoltà a livello nazionale (e non solo) in quanto a coerenza e capacità di innovazione.
Come altri hanno già ipotizzato quindi ha senso che i nuovi movimenti possano ottenere buoni risultati.

Considerato poi la perdita di credibilità a livello nazionale dei vari partiti è coerente anche l’elevata percentuale di quanti hanno dichiarato che non voteranno, definitivamente delusi dallo stantio pantano politico.

Sarebbe infine interessante soffermarsi a fare quattro considerazioni sulle percentuali. Prendendo quindi per buona la classifica risultata dal sondaggio, sembra che la partita se la possano giocare i primi tre arrivati, nessuno dei quali, anche nell’ipotesi di acquisire a favore l’intera percentuale di astenuti, è in grado da solo di ottenere la maggioranza assoluta.

Il PD alleato al secondo e terzo arrivato raggiungerebbe invece, bene o male, una striminzita maggioranza, mente un’alleanza tra il secondo e il terzo otterrebbe quasi lo stesso risultato.
Così a freddo le diverse combinazioni appena considerate le vedo piuttosto complicate. Forse ancora ancora tra il secondo e il terzo arrivato che condividono una buona parte dei principi ispiratori, ma qui la storia è ancora tutta da scrivere.

Insomma, come proposto, prendiamo i risultati, chiudiamoli in busta chiusa al notaio e riapriamole dopo le prossime amministrative 🙂

Appuntamento al prossimo sondaggio. Si accettano proposte.

 

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.