Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Chiesetta del Pilastrello vs Calderina

Tanto per cambiare ancora una volta mi trovo a rispondere in differita ad osservazioni avanzate da altre fonti mediatiche che, democraticamente precludono la partecipazione ad osservatori e commentatori non graditi. Tant’è, ognuno a casa sua fa quello che vuole e visto che qui siamo a casa mia ne approfitto per sostenere alcune argomentazioni relative a una proposta che come partecipante al gruppo per la rivalutazione della Chiesetta del Pilastrello abbiamo avanzato in un post precedente (qui).

In altre occasioni e post, avevo evidenziato come in numerosi condomini avevo osservato un gran numero di mensili comunali (La Calderina per intenderci) impietosamente gettati a casaccio nell’immondizia. La mancata osservanza della raccolta indifferenziata evidenziava quasi che il mensile comunale fosse stato gettato d’impulso, vuoi per completo disinteresse, vuoi per differente convinzione politica. Sinceramente obbligare qualcuno a ricevere qualcosa che non vuole mi sembra, soprattutto in questo periodo, uno spreco inutile.

Lasciamo poi perdere che si tratta di carta e quindi di alberi e quindi di ambiente, argomento particolarmente caldo sul nostro territorio. Leggendo quindi con calma e senno quanto  è tra le righe della proposta del gruppo per la rivalutazione della chiesetta, si dovrebbe convenire che ci si trova effettivamente di fronte a uno spreco immotivato che, tanto o poco comunque costa.

Se volontariamente io rinuncio a ricevere la Calderina o perchè sono allergico alla sua tonalità o perchè me la leggo meglio direttamente da internet o perchè non ho nessuna intenzione di ascoltare cosa mi vuole dire la parte politica con la quale non voglio avere nulla a che fare, mi limito a comunicarlo attraverso un semplice adesivo.

Dopo un paio di giri di distribuzione posso immediatamente riconsiderare i volumi effettivi del mensile che potrò distribuire. Toh, ci risparmio. In un periodo in cui volenti o nolenti di quattrini non ce ne sono, la possibilità di disporre di un piccolo budget che può consentire di operare positivamente in altri settori, sinceramente non lo schifo. Poi ovvio che se la proposta è arrivata da un gruppo focalizzato attualmente su un determinato argomento, per il quale ha avanzato concrete e positive proposte, proprio in tale ambito propone di investire i risparmi ottenuti dall’attuazione della proposta.

Il succo è che un gruppo di cittadini, al di là di interrogarsi sui massimi sistemi, senza teorici voli pindarici ma agendo concretamente (a livello marciapiede come quaòlcuno ama ripetere) ha individuato un problema, proposto soluzioni ed individuato parte dei fondi necessari. Che poi i fondi così ricavati possano essere destinati a ben più significative emergenze non c’è dubbio. Mi preme però ricordare che così ragionando, come sempre fatto, il più antico monumento di Paderno Dugnano rischia di venire perso.

Lasciamo poi perdere il discorso legato alla tonalità del mensile comunale, sul cambio della quale all’epoca qualcuno spese pagine di invettive. Forse non sarebbe male in un periodo in cui tutti vogliono ragionare in termini di bianco e nero, tornare a tonalità intermedie come lo è il grigio. Oppure si vuole sostenere che è il colore a veicolare l’informazione e non il contenuto eventualmente si spera di valore e spessore? Se così fosse allora procediamo oltre e proponiamo la calderina patinata. Chissà perchè se così dovesse avvenire sono ancora convinto che qualcuno obietterebbe che lo si è fatto perchè le foto del sindaco risalterebbero meglio.

Signori, i tempi restano cupi e di necessità bisogna far virtù. Ripeto non è agitando bandiere che si risolvono i problemi ma rimboccandosi le maniche e impegnando di persona positivamente e concretamente le stesse energie, che si possono ottenere risultati. Minimi, denigrabili, ma pur sempre risultati. Il resto è propaganda.

2 Comments

Rispondi a Gianni Rubagotti Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.