Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Caro Formigoni ti scrivo … ah già c’è anche De Nicola

In questo inizio di settimana sono già due le missive inviate da cittadini padernesi a rappresentanti provinciali e regionali pesantemente coinvolti nella questione Rho-Monza. Oltre alla lettera inviata da Antonio Del Negro anche il portavoce del CCIRM Ferruccio Porati ha inviato una lettera a Formigoni e  De Nicola. Di seguito il testo [ndr. personalmente d’ora in poi queste comunicazioni le manderei in copia anche al capo dello Stato]:

Cogliamo l’occasione per ricordare che, dopo aver esaminato i dati anagrafici dei residenti (dati veri di anagrafe cittadina, ufficiali), possiamo ufficialmente dire che ci sono quasi 8.000 persone (di cui un migliaio sotto i 15 anni e circa 2500 sotto i 30…) a cui state imponendo 14 corsie di autostrada dentro i propri appartamenti, a Paderno Dugnano. Stiamo gia facendo elaborare da insigni ricercatori di fama mondiale gli effetti nefasti a lungo termine (morti premature ed incidenza del tumore al polmone) a causa degli effetti del solo particolato PM-X che i 240.000 veicoli/giorno, che volete portare in transito a qualche decina di metri dalle noste case, causeranno a noi ed ai nostri figli. A cascata seguiranno gli effetti degli altri inquinanti aggiuntivi.
 
Certo l’assessore, che mi pare sia un convinto fumatore, potrà anche giudicare secondari gli effetti delle micidiali polveri sottili sulla mia salute e su quella di mia figlia (non so cosa pensi a riguardo e non mi importa di saperlo). L’assessore De Nicola può fare della sua vita ciò che vuole: non può fare ciò che vuole della mia e di quella dei miei cari. Il diritto alla salute dei cittadini è per voi un impegno inderogabile che avete in quanto obbligati dalla Costituzione, a cui dovete sottomissione assoluta, perchè questa terra – con buona pace di tutti – è parte integrante della “Repubblica Italiana”.
 
Come i recenti deferimenti che l’Italia ha ricevuto – per l’ennesima volta – dall’Europa la settimana scorsa stanno ad indicare, siete obbligati a risanare i fattori di squilibrio del PM-10 (che sono dovuti al 70% al traffico veicolare e solo per il 12% ai riscaldamenti…) nella situazione attuale e, quindi, il progetto di portare a Paderno Dugnano le corsie di traffico a cielo aperto da 4 a 14, cioè di aumentare il traffico autostradale in transito dagli attuali 80.000 a 220.000-240.000 veicoli giorno, è un’ipotesi di lavoro che nasce fuorilegge perchè in contrasto evidente con quanto l’Europa vi chiama a fare, con tutte le implicazioni e responsabilità del caso che si esamineranno nelle opportune sedi. Non dimenticatevi quanto sta scritto al capitolo 10.1 – sintesi degli impatti, pag. 188 dello studio di impatto ambientale di questo progetto Rho-Monza: voi stessi traete le seguenti conclusioni sulla salute pubblica: “peggioramento delle attuali condizioni di rumorosità e della qualità dell’aria, con conseguente aumento delle condizioni di stress per le popolazioni coinvolte”. Il particolato, come noto, non va molto lontano dalla sede stradale: se lo beccano quelli che vivono entro poche centinaia di metri a destra ed a sinistra della sede stradale fonte di inquinamento (vedi picture in fondo…). I Padernesi devono, quindi, dedurre che sono state messe a budget le eventualità della mia morte, quella di mia moglie e quella dei miei figli? E quelle di altre migliaia di persone? E qualcuno pensa che, di fronte a tale prospettiva io resti lì, beato, a subire passivamente questa cosa? Non ci siamo, cari signori, non ci siamo proprio per niente!
 
Nonostante tutto, a parte le frasi ad effetto che si leggono sui giornali o le interviste TV, continuo a voler credere che la Ragionevolezza (Roberto Formigoni: dice niente alla tua esperienza di quando eri ragazzo la parola “Ragionevolezza”?) possa prevalere e che si viri su questo benedetto interramento a Paderno Dugnano, per il bene di tutti, veramente di tutti, non solo degli autotrasportatori.
 
Saluto rispettosamente.
Ing. Ferruccio Porati.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.