Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Brutte notizie per l’Inceneritore: Paderno Energia ha chiesto una proroga

logo-noi.jpg

Purtroppo la questione inceneritore, a differenza di quanto l’intera città e i comuni limitrofi auspicavano, non ha raggiunto oggi  la tanto attesa positiva conclusione. In occasione della Conferenza dei Servizi che si è svolta oggi in Provincia, sembra infatti che la Paderno Energia abbia  chiesto una proroga di 3 mesi per presentare le integrazioni precedentemente richieste. La nuova scadenza è quindi fissata per il prossimo 9 settembre.

La notizia non è ancora ufficiale, ma fonti sicure l’hanno confermata. A questo punto risulta evidente che la società e gli sponsor che la sostengono stiano alla finestra per osservare quale direzione prenderà la ‘feroce’ battaglia che si sta giocando in seno alla Provincia (qui), per definire quale soluzione tra potenziamento e nuova costruzione verrà adottata per l’inceneritore che alcuni vogliono a tutti i costi e conseguentemente, la sede destinata.

Di conseguenza i singoli Comitati nati sui territori potenzialmente ‘papabili’ non possono ancora permettersi di abbassare la guardia. Purtroppo si sta giocando una triste partita a tennis tra poveri dove la pallina è rappresentata dall’inceneritore. Boh, probabilmente perderà questa gara chi dimostrerà di costituire il problema minore alla realizzazione dell’ecomostro.

L’unica cosa sicura a questo punto è che da qualche parte vogliono assolutamente e sicuramente piazzarlo.  Ben venga quindi la coerenza dei ‘Grillini’ del Movimento 5 Stelle (che alcuni vedono come estremismo) che sostengono a spada tratta che l’inceneritore in questione non s’ha da fare; punto e basta. Differentemente, Paderno Dugnano vale per la Provincia come una delle  qualsiasi alternative. Con coerenza s’intende ovviamente il fatto che la posizione del movimento in questione è sostenuta e condivisa da ogni rappresentanza sul territorio, sia che si tratti di Sesto, di Paderno, di Trezzo  o di Opera.

Se poi tale ferma opposizione possa vacillare un domani, quando finalmente certi esponenti del movimento riusciranno a entrare nei comuni, mentre altri si troveranno a gestire consorzi legati alla gestione di qualche inceneritore, solo il tempo potrà dimostrarlo.

Al momento ipotizzo che l’unica risposta che il Movimento 5 Stelle può fornire al quesito è che mai, alcun esponente del Movimento potrà trovarsi coinvolto nella gestione di un inceneritore. Se così effettivamente fosse, forse potrebbe voler dire che il ‘nuovo’ è finalmente arrivato e che tutto sommato non è detto che la ‘politica’ debba per forza ‘macchiare’ chi troppo gli si avvicina 😉

One Comment

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito web si acconsente all'utilizzo dei cookies anche di terze parti Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.