Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Anche la Cappella del Pilastrello inizia a …. fare acqua

Comprendo benissimo che al momento le priorità possano essere ben altre, ma rischiare di mandare a ‘ramengo’ un edificio storico che a differenza di chiunque oggi calchi il suolo padernese, può vantarsi di aver visto scorrere ogni minuto della storia locale  dal più remoto dei tempi, mi lascia veramente triste.
Un semplice gruppo di cittadini con lungimiranza e disponibilità ha riscoperto un monumento che in altri parti (difficilmente in patria) sarebbe stato valorizzato, protetto e onorato con impegno e generale condivisione, a Paderno Dugnano rischia di essere irrimediabilmente affossato da una semplice perdita dal soffitto.
Non solo, tengo infatti nuovamente a evidenziare con forza il fatto che il monumento in questione, per il FAI (Fondo Ambiente Italiano) , merita il primo posto in Lombardia e il secondo in tutta Italia. Purtroppo, fino a quando si tratta di disgrazie e fatti negativi sembra che l’attenzione generale raggiunga i massimi livelli (tralasciamo pietosamente il discorso Rho-Monza), mentre quando qualcosa di positivo si profila all’orizzonte tutti si girano dall’altra parte.
In ogni caso, a fronte della donazione di fondi di numerosi padernesi per intraprendere le principali operazioni di restauro del monumento, nonostante l’impegno di alcuni privati cittadini e associazioni che a titolo gratuito si sono offerti di effettuare gratuitamente importanti attività di restauro o abbellimento del monumento, il tutto resta ancora bloccato in attesa dell’ok comunale. Comprendo benissimo che in alcuni casi la burocrazia si ritrovi impastoiata da cavilli apparentemente insignificanti ma legislativamente fondamentali come questioni di sicurezza, competenza delle attività, assicurazioni e garanzie, ma se ci fermiamo in questa ‘palude’ legislativa per un semplice ok a interventi volontari su un monumento non immagino quanto ci voglia per questioni di ben altro spessore.
Il Comune ha confermato il proprio impegno e disponibilità ad agevolare il recupero della Cappella del Pilastrello e ha chiesto di pazientare. Purtroppo la Natura e il Sempiterno, anche recentemente, hanno dimostrato di farsene ‘un baffo’ di leggi, leggine, legislazioni e burocrazie. Un’opera del 700 (se non precedente) rischia ora di essere irrimediabilmente compromessa da una semplice infiltrazione dal soffitto, così come chiaramente descritto da Luciano Bissoli, massimo esperto della storia artistica locale nonché membro della Compagnia del Pilastrello, nelle due testimonianze seguenti (la prima è una mail inviata agli uffici tecnici comunali mentre la seconda è il resoconto del sopralluogo con esponenti dei medesimi):
Missiva n° 1
Questa mattina, vista l’abbondante pioggia, sono nuovamente passato al Pilastrello.
Ho verificato che l’infiltrazione non si compone solo di uno sgocciolio dalla trave, ma interessa anche la parete dove sono collocati i pannelli esplicativi e bagna anche l’impianto di illuminazione degli stessi.
Sono in possesso della chiave e possiamo concordare di trovarci sul luogo anche in giornata, vista l’urgenza e le condizioni del tempo che Vi consentiranno di valutare la situazione.
Cordiali saluti
Luciano Bissoli
Missiva n° 2
Oggi pomeriggio, alle ore 17 è stata fatto un sopralluogo da parte degli Arch. Bottin e Moroni del settore manutenzione per verificare la situazione infiltrazione.
Il settore manutenzioni effettuerà, appena la pioggia lo permetterà, un controllo del tetto per provvedere poi al fa darsi.
Mi auguro che tutto sia fatto entro breve.
Devo però far notare che la prima segnalazione circa l’infiltrazione è stata da me inviata il 20 di febbraio, ma nessuno del settore manutenzione era stato informato.
Per tale ragione mi sono rivolto direttamente al settore.
Speriamo bene.
Saluti a tutti
Luciano Bissoli

Questa mattina, vista l’abbondante pioggia, sono nuovamente passato al Pilastrello.Ho verificato che l’infiltrazione non si compone solo di uno sgocciolio dalla trave, ma interessa anche la parete dove sono collocati i pannelli esplicativi e bagna anche l’impianto di illuminazione degli stessi.Sono in possesso della chiave e possiamo concordare di trovarci sul luogo anche in giornata, vista l’urgenza e le condizioni del tempo che Vi consentiranno di valutare la situazione.Cordiali salutiLuciano Bissoli

Oggi pomeriggio, alle ore 17 è stata fatto un sopralluogo da parte degli Arch. Bottin e Moroni del settore manutenzione per verificare la situazione infiltrazione.Il settore manutenzioni effettuerà, appena la pioggia lo permetterà, un controllo del tetto per provvedere poi al fa darsi.Mi auguro che tutto sia fatto entro breve.Devo però far notare che la prima segnalazione circa l’infiltrazione è stata da me inviata il 20 di febbraio, ma nessuno del settore manutenzione era stato informato.Per tale ragione mi sono rivolto direttamente al settore.Speriamo bene.Saluti a tutti

Luciano Bissoli

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.