Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Amianto, la resa dei conti

E’ prevista per oggi a Torino la sentenza del processo Eternit. Gli imputati sono due: Stephan Ernest Schmidheiny, 64 anni, e Jean Louis de Cartier de Marchienne, 90 anni, gli ultimi proprietari dell’Eternit, accusati di disastro doloso permanente e omissione dolosa di misure antinfortunistiche.

E’ proprio il dolo la novità importante del processo perché secondo l’accusa i due imprenditori sapevano che la polvere d’amianto era letale ma non hanno fatto nulla per impedire che i lavoratori dei loro stabilimenti morissero a causa del terribile veleno. Per questo il pm Raffaele Guariniello ha chiesto, per ciascuno dei due accusati, vent’anni di carcere.

Il maxi processo Eternit si è aperto poco più di due anni fa a Torino. 65 udienze tra il 2009 e il 2011 e le parti civili sono state ben 6.392. Numeri ancora più impressionanti sono quelli delle vittime stimate: circa 2.300 solo tra i dipendenti dei quattro stabilimenti italiani dislocati a Casale Monferrato, Cavagnolo. Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli).

Sul sito di Repubblica la sentenza in diretta:

http://video.repubblica.it/edizione/torino/processo-eternit-la-sentenza-in-diretta/87961/86354

Aggiornamento post sentenza:

Il tribunale di Torino ha condannato Stephan Ernest Schmidheiny, 64 anni, e Jean Louis de Cartier de Marchienne, 90 anni, a 16 anni di reclusione ritenendoli colpevoli di disastro doloso solo per le condizioni degli stabilimenti di Cavagnolo (Torino) e Casale Monferrato (Alessandria). Per gli stabilimenti di Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli) i giudici hanno dichiarato di non doversi procedere perché il reato è prescritto.

Qui ulteriori dettagli relativi ai risarcimenti riconosciuti:

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/piemonte/articoli/1036914/eternit-condannati-a-torino-i-proprietari-applauso-dei-parenti-delle-2900-vittime.shtml

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o visualizzazione di media. Per vedere quali cookie utilizziamo leggi l'informativa. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul sito si acconsente all'uso dei cookie. Modifica impostazione dei Cookie
Hello. Add your message here.