Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Paderno Dugnano e Rho-Monza:Da numeri a individui

liberta.jpg

Poco tempo fa, vedendo le immagini di uno striscione portato in corteo dalle lavoratrici della Lares mi ha colpito la frase che vi era scritta e che più o meno dichiarava: chi lotta può perdere ma chi non lotta ha già perso. E’ in questa ottica che interpreto l’iniziativa promossa da Stefania Persona, la responsabile stampa del CCIRM che propone un’iniziativa per trasformare cifre, numeri e percentuali ai quali si fermano i burocrati nel momento in cui decidono che per convenienza (di chi?) due autostrade devono passare per il centro città, in nomi e anni di bambini che ne subiranno le conseguenze. Molti hanno sempre dato per persa la battaglia che parte della città sta combattendo da più di un anno. Bene, quelli sono coloro che hanno già perso in partenza. Può anche essere che sia la città a perdere, ma quella parte che ha lottato fino all’ultimo sa di aver fatto tutto il possibile e oltre e non avrà nulla da recriminare. Attenzione che c’è una grande diferenza tra perdenti e sconfitti. Comunque sia, Stefania sta facendo il censimento di bambini e ragazzi che vivono nella zona interessata dalla  costruzione della Rho-Monza, al fine di compilare una lista da mandare al Presidente della Repubblica e a tutte le autorità che le sarà possibile raggiungere.

Per tutelare i ragazzi, hanno pensato di compilare il documento per via (es. via Generale dalla Chiesa, via Gramsci, …) ed in ogni via scrivere i soli nomi di battesimo ed età dei minori che vi abitano.

Chiunque voglia collaborare a far sì che questa iniziativa sia il più corposa possibile, come descritto anche nei commenti ai vari blog, può compilare la lista del proprio palazzo o della propria via e farla pervenire, tramite gli indirizzi di posta elettronica del sito (“contatti” su www.padernesi.com) a Stefania.

Più siamo meglio è.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *